Contro la fame “La spesa sospesa del contadino”

​Per aiutare a combattere le nuove povertà e affrontare la crescente emergenza alimentare, direttamente dagli agricoltori di Campagna Amica arriva l’iniziativa “Spesa sospesa del contadino a domicilio”. Lo annuncia la Coldiretti nel sottolineare che i cittadini che ricevono la spesa a casa attraverso le fattorie di Campagna Amica in tutto il territorio, possono decidere di donare un pacco alimentare alle famiglie più bisognose sul modello dell’usanza campana del “caffè sospeso”, quando al bar si lascia pagato un caffè per il cliente che verrà dopo. In questo caso si tratta però di frutta, verdura, farina, formaggi, salumi o altri generi alimentare Made in Italy, di qualità e a km zero che gli agricoltori di Campagna Amica andranno a consegnare alle famiglie bisognose in accordo con i Comuni. Iniziative di aiuto anche con modalità diversificate sono diffuse lungo tutta la Penisola.

Inoltre è possibile fare una donazione tramite bonifico e Campagna Amica provvederà con quei soldi ad acquistare presso i suoi agricoltori dei prodotti di qualità che saranno consegnati gratuitamente alle famiglie più bisognose. Al momento della donazione, sarà fondamentale indicare nella causale, oltre a Spesa Sospesa Campagna Amica, anche il nome, cognome e indirizzo comprensivo del comune di residenza e della provincia dove far arrivare la spesa. IBAN: IT43V0200805364000030087695

Si tratta di una azione di grande responsabilità dell’agricoltura italiana in una situazione in cui le misure restrittive per contenere il contagio e la perdita di opportunità di lavoro, anche occasionale, hanno aggravato la situazione e aumentato il numero dei quasi 2,7 milioni di persone che in Italia  sono costrette a chiedere aiuto per il cibo con la distribuzione di pacchi alimentari o nelle mense, secondo l’analisi della Coldiretti su dati Relazione annuale Fead del giugno 2019.  Ad essere in difficoltà – conclude la Coldiretti – sono tra le categorie più deboli quasi 113mila senza fissa dimora, oltre 225mila anziani sopra i 65 anni, e 455mila bambini di età inferiore ai 15 anni che ricevono aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead.

Siamo anche al lavoro per indirizzare gli aiuti in generi alimentari delle nostre aziende per i più bisognosi assistiti da Caritas e Comuni, ai quali diversi nostri associati faranno pervenire riso, pasta, frutta e ortaggi”, afferma Coldiretti.

Un servizio che si aggiunge a quello della consegna a domicilio dei prodotti agricoli, che ha visto un incremento di oltre il 90% nell’ultimo mese, con migliaia di famiglie in Emilia-Romagna che possono continuare a fare una spesa di qualità in questo momento in cui i mercati contadini sono sospesi, alimentandosi correttamente con prodotti freschi del territorio e contribuendo all’occupazione ed all’economia locale.

I riferimenti delle aziende che effettuano la consegna a domicilio sono sul sito www.ferrara.coldiretti.it e sulla pagina Facebook di Campagna Amica Ferrara.