23 settembre 2012 - Ferrara, Cronaca, Politica

Tavolazzi: Ferrara, città degli sprechi

Ferrara – Una nota stampa, inviata da Valentino Tavolazzi, racconta la “vicenda Lageder” dal punto di vista del consigliere di Progetto Per Ferrara.

“La vicenda Lageder pesa come un macigno sul Comune e schiaccia non solo le sue finanze (deve pagare 1,8 milioni di euro), ma la stessa credibilità amministrativa e politica della maggioranza attuale e di quelle che l’hanno preceduta. Un privato cittadino (Lageder) ha impiegato trent’anni per farsi riconoscere un diritto, mentre schiere di amministratori, succedutisi nel frattempo, sono riusciti a far lievitare a 2,6 milioni (metà per interessi) il corrispettivo di 33 mila metri quadri di terreno, acquistato nel 1982 dal Comune. Anche l’avvocato sindaco Tagliani ha dato il proprio contributo agli sprechi ferraresi, quando nel 2002, da vice sindaco ed assessore agli affari legali, decise di appellare a Bologna una sentenza del Tribunale di Ferrara, benevola nei confronti del Comune. Se avesse pagato allora (lo ha fatto due anni dopo a seguito di pignoramento dei Lageder), senza appellarsi, avrebbe fatto risparmiare ai ferraresi 1,8 milioni di euro”.

Tavolazzi sottolinea che il debito andrà saldato “facendo nuovi debiti e svendendo azioni Hera. Ciò è potuto accadere, ancora una volta, a causa delle scelte miopi sia sul piano tecnico che politico, di chi governa la città, in un contesto amministrativo, superficiale, dilatorio ed irresponsabile”.

Un po’ com’era stato per la questione del Derivato Dexia, costata ai ferraresi 2,5 milioni tra il 2009 e il 2011, nella svendita a Hera delle reti del gas, o ancora nel pagamento ad Hera di 1,5 milioni di euro, per il presunto vecchio debito Ca’ Leona anche la questione Lageder arriverà alla Corte dei Conti, mediante l’ennesimo ricorso da parte di PPF.

“Da quando la Corte si interessa dell’allegra gestione ferrarese, spuntano come funghi le decisioni spacciate per “obbligate” – scrive Tavolazzi - il frettoloso annullamento del contratto Dexia; il tardivo riconoscimento del debito Lageder; il misterioso contenzioso tributario con Hera, a favore del Comune, sul quale Tagliani ha addirittura posto il segreto, impedendo ai consiglieri comunali di acquisire la documentazione ad essi dovuta per legge. Anche del disastro Lageder, l’avvocato Tagliani ha nascosto ai cittadini l’esistenza ed i rischi connessi, fino a quando il pignoramento dei conti correnti del Comune lo ha costretto ad uscire allo scoperto e a portare in consiglio comunale la regolarizzazione di un debito a lui noto da almeno un anno e mezzo. La sentenza della Corte di Appello di Bologna, che obbliga il Comune a pagare a Lageder 1,8 milioni, risale infatti al marzo 2011”.

Secondo Tavolazzi Tagliani non avrebbe accantonato un euro per far fronte alla condanna del Comune, non ha informato i cittadini e, pur consapevole di dover pagare quella somma ai Lageder, alla fine del 2011 si sarrebbe fatto approvare dalla maggioranza una variazione di bilancio che riconosceva a Hera 750 mila euro, secondo noi non dovuti. Con l’aggravante che tale utilizzo dell’avanzo 2010, si innestava in una massiccia manovra di sacrifici imposti ai cittadini dalle decisioni del governo Monti (per Ferrara un aumento di tasse nel 2012 pari a circa 30 milioni di euro) e dall’aumento dell’addizionale Irpef 2012, per ulteriori 3,9 milioni di euro.

“Ci si domanda per quale motivo a Tagliani stia più a cuore Hera dei suoi concittadini! – si chiede il consigliere - Vorremmo inoltre sapere quando è emerso il credito verso Hera per presunti mancati pagamenti di imposte al Comune. Come ricordato i documenti ci sono stati negati e della trasparenza promessa da Tagliani in campagna elettorale, non vi è traccia. Al contrario questa amministrazione si distingue per opacità, silenzio e sotterfugio. I consiglieri, eletti dai cittadini per amministrare la città, hanno appreso del contenzioso Comune Hera dai giornali. Si parla di un milione di euro. Ma se questo credito, come pare, risale ad anni addietro, perché l’avvocato Tagliani ha pagato 1,5 milioni di euro a Hera per Ca’ Leona, se questa pare fosse debitrice verso il Comune per un milione?”

Le domande non finiscono qui: “Perché Tagliani non ha mai risposto alle nostre domande in merito al campo fotovoltaico Spal, a chi lo abbia finanziato, a chi ne trarrà i proventi, al ruolo di Hera in tutta la vicenda Spal? – incalza Tavolazzi - Infine perché l’avvocato Tagliani rifiuta di mettere a disposizione dei consiglieri i documenti relativi alle vicende citate (derivato, Cà Leona, reti gas) successivi all’apertura dei fascicoli da parte della Corte dei Conti? Che cosa ha da nascondere il Comune, che non appartenga a tutti noi?”

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.