23 settembre 2012 - Ferrara, Cronaca, Economia & Lavoro

USB Ferrara alla manifestazione di Roma

Ferrara - Massiccia la presenza dell’Unione Sindacati di Base alla manifestazione dei precari che si è svolta ieri a Roma.

Fra le varie delegazioni numerosa anche quella dell’Emilia Romagna, che si presentava compatta dietro gli striscione dei precari ferraresi, gli stessi esposti il 10 settembre a Ferrara in occasione della contestazione al ministro Profumo.

L’Unione Sindacale di Base, in una nota stampa, ha dichiarato di aver aderito alla manifestazione per ribadire il giusto “no” al concorso truffa e per chiamare tutti i lavoratori della scuola alla lotta per ottenere un piano di assunzioni di almeno 150.000 docenti e 75.000 ATA, per far fronte all'aumento della popolazione scolastica e per rispondere alle nuove sfide di questa complessa società.

Secondo USB assolutamente necessario è anche "Il ripristino dei finanziamenti per il funzionamento delle scuole tagliato in questi anni del 70% per garantire il diritto allo studio e l'aggiornamento del personale; il rinnovo del Contratto Nazionale con aumenti salariali di almeno il 30% per ripianare le perdite degli ultimi vent'anni; la riforma delle pensioni con abbassamento a 60 anni dell'età pensionabile per uomini e donne, per quel ricambio generazionale di cui tutti sentiamo il bisogno e il rafforzamento di tutte le istanze collegiali come premessa per la difesa del diritto allo studio e della libertà di insegnamento, con un netto “No” alla legge Aprea".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.