Arrivederci Buskers!

27 Agosto 2012 |  Cronaca | Cultura e Spettacoli | Ferrara |

Ferrara - Ferrara ha salutato il suo brillante venticinquesimo anniversario di Buskers Festival con un'interessantissima domenica di spettacoli e un po' di malinconia per quanti amano la propria città pacificamente invasa da musicisti, mimi e giocolieri. 

Un'edizione che è sicuramente stata un successo, inaspettato e quasi insperato visto le tristi premesse del terremoto dello scorso maggio. Secondo gli organizzatori i "numeri" della manifestazione sono stati davvero di tutto rispetto: 800mila visitatori e un explois di contatti web, con circa 25.000 fan sulla pagina Facebook - un pubblico virtuale che aiuterà in futuro affinchè la manifestazione si affermi come un afra le più amate del genere. Tante anche le partecipazioni: 514 richieste di partecipazione raccolte nella fase di preparazione – per un calendario finale di 20 musicisti invitati e 240 formazioni, per un totale di 800 artisti provenineti da 37 diverse nazioni – hanno saputo costruire un'edizione della Rassegna Internazionale del Musicista di Strada di eccelsa qualità, tanto per la cornice unica offerta da Ferrara quanto per il valore artistico dei suoi Buskers. 

Importanti anche i numeri de "i dietro le quinte", con un gruppo di 90 persone dello staff che si sono occupate, nota dopo nota, di ogni singolo aspetto di questa edizione speciale dei Buskers, che ha visto anche il successo dell’ormai tradizionale “Grande Cappello”, il cui ricavato – e un ringraziamento particolare deve essere rivolto ai volontari di IBO Italia attivi alle porte “buskers” della città - quest’anno andrà tutto a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto, come contributo alla riapertura di sei scuole dell’alto ferrarese e alla ricostruzione del patrimonio artistico di Ferrara. 

Quest'anno più che mai si è poi affermato lo spirito green della rassegna, con il progetto “EcoFestival”, ideato dal direttore organizzativo Gigi Russo, che ha saputo trasformare Ferrara in un laboratorio votato alla realizzazione di una manifestazione ad impatto zero: i ragazzi napoletani di CleaNap hanno presidiato i cassonetti, per insegnare ai visitatori le buone regole della raccolta differenziata, sono stati distribuiti bicchieri ad hoc riciclabili per evitare sprechi, mentre il Gruppo Hera, main sponsor della manifestazione, ha messo a disposizione la “Casa dell’Acqua” , distribuendo l’oro blu gratis a tutti i passanti. Con loro, anche i ragazzi dell’Associazione “Viale K”, che si sono dedicati al recupero di tappi di plastica, i quali saranno selezionati, triturati e venduti, sotto forma di materia prima, ad aziende, che li trasformeranno in altri oggetti di plastica.

Senza dimenticare che la manifestazione è stata oggetto del workshop dei fotografi Marco Caselli Nirmal e Joe Oppedisano, che regalerà all'edizione appena conclusa anche una mostra fotografica speciale, che l’anno prossimo celebrerà degnamente questi 25 anni fra le strade di Ferrara. 

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <p> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
You24
Tavolazzi torna alla carica: Hera nasconde la verità -
I Grilli Estensi sulla sicurezza in città -
Il PD nella Cento del Futuro -
arte
Galleria Tortora Agostino -
Museo d'Arte Moderna e Contemporanea "Filippo De Pisis" -
Galleria Lux -

Contenuti più visti