29 luglio 2012 - Ferrara, Comacchio, Cronaca

Carabinieri in azione per la tranquillità dei Lidi

Ferrara – Prosegue la campagna della Compagnia dei Carabinieri di Comacchio, con il supporto del personale della Polizia Locale di Comacchio, contro l’abusivismo commerciale sulla costa ferrarese.

In particolare nella giornata di venerdì – dalle ore 11 - l'arma ha schierato 24 uomini con 12 automezzi che si sono mossi per per garantire la giusta tranquillità e serenità ai residenti ed ai turisti presenti lungo il litorale, fermando sulle spiagge di Portogaribaldi una decina di persone, tutte straniere, che si sono date alla fuga lungo il litorale poiché sorprese a vendere senza le autorizzazioni del caso merce di vario genere.

Una volta acciuffati, poiché sprovviste di documenti, sono tutte state accompagnate in caserma per gli accertamenti di rito ed essendo in possesso di regolare permesso di soggiorno otto sono stati rilasciati.

Due cittadini del Bangladesh, che nel gruppo svolgevano il ruolo di “pali” sono risultati sprovvisti di documenti per poter soggiornare in Italia: terminate le formalità di rito ai due uomini, i militari hanno notificato il decreto di espulsione dal territorio nazionale.

I Carabinieri hanno inoltre sequestrato merce dal valore di 2000 euro, sottoposta a sequestro.

L'operazione di venerdì si va ad inserire in un'azione coordinata di prevenzione al crimine in occasione della maggior affluenza verso le località balneari, nel corso della quale sono state arrestate 4 persone in pochi giorni.

F.R., residente a Comacchio, è stato arrestato dai Carabinieri di Comacchio perchè deve scontare una pena di un anno e 8 mesi per truffa. L’uomo è stato portato preso la Casa Circondariale di Ferrara, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Sempre nel pomeriggio di venerdì i militari della Stazione di Mesola hanno tratto in arresto G.R. di 46enne, che deve scontare una pena di due mesi e 20 giorni per rapina e guida in stato di ebbrezza. Anche lui è stato condott opresso il Carcere di Ferrara.

L’altra operazione di servizio condotta dai militari del N.O.R. della Compagnia di Comacchio, grazie alla collaborazione dei cittadini, risale alla notte fra venerdì e sabato scorsi. Alle prime luci dell’alba, su richiesta della Compagnia Carabinieri di Comacchio, una pattuglia si è recata in Lido Scacchi, presso una nota discoteca ormai in disuso dove la titolare aveva riferito di aver notato poco prima un furgone bianco con targa francese che si aggirava con fare sospetto nei pressi della struttura.

Secondo i racconti della donna dal furgone erano scesi alcuni giovani che si avevano scavalcato il muro perimetrale della discoteca. I militari nel corso di un sopralluogo al perimetro esterno della struttura hanno visto 4 giovani uscire di corsa dal retro del locale, il cui abbigliamento e descrizione corrispondeva a quello fornito dalla titolare.

Immediatamente i quattro sono stati rincorsi a piedi ed i militari sono riusciti a raggiungere uno di essi bloccandolo dopo alcuni metri. Il giovane fermato, nonostante tentasse di divincolarsi, è stato ammanettato : si tratta di R.T. ventiseienne francese.

Successivamente i militari hanno ispezionato l'interno della discoteca con la titolare, accertando che i giovani avevano già rimosso e accatastato vicino l'uscita vario materiale audio ed attrezzature di illuminazione da discoteca pronte per essere asportate - per un valore di circa 15,000 €, insieme ad uno zaino di colore blu con attrezzi da elettricista che veniva sottoposto a sequestro. Le ricerche dei tre complici sono proseguite durante tutta la giornata senza però portare alcun esito.

Un altro arresto risaliva a giovedì sera, quando i militari del N.O.R sono intervenuti in un supermercato di Porto Garibaldi su richiesta del titolare che aveva segnalato la presenza di un giovane che infastidiva i clienti. Rintracciato quest'ultimo all'interno del supermercato, i militari capivano che il giovane era apparentemente in stato di alterazione dovuta all'abuso di bevande alcoliche.

Il ragazzo, poiché rifiutava di fornire le proprie generalità, è stato accompagnato ari presso gli Uffici del Nucleo Operativo di Comacchio per le formalità connesse con la sua identificazione, opponendo però resistenza ai militari che cercavano di farlo ebnntrare nell'auto. Grazie alle risultanze dattiloscopiche gli uomini dell’Arma hano rilevato che il giovane aveva fornito false genalità e sono risaliti a quella vera: V.A., 25 enne moldavo senz permesso di soggiorno. In relazione  agli elementi raccolti l’uomo è stato arrestato e nella giornata di venerdì, a seguito di rito direttissimo celebratosi presso il Tribunale di Ferrara, è stato condannato a 6 mesi di reclusione e gli è stato poi notificato il decreto di espulsione dal territorio Nazionale. Uno dei Carabinieri aggredito a pugni da V.A. è stato medicato presso il P.S. dell’Ospedale del Delta e giudicato guaribile in 5 giorni.  

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.