Comincia il recupero della Chiesa di San Carlo Borromeo

Ferrara - Nel prossimo settimana corso Giovecca sarà interessato da un provvedimento restrittivo della viabilità. Per consentire infatti alla ditta incaricata dall'Azienda Usl di Ferrara di effettuare i lavori di messa in sicurezza post-sisma della chiesa di San Carlo Borromeo, sabato 21 e domenica 22 luglio il tratto di Corso Giovecca compreso fra corso Martiri della Libertà e via G. Boldini sarà vietato al transito e alla sosta di veicoli.

I pedoni saranno ammessi ma indirizzati sul marciapiede del lato numeri pari; saranno comunque utilizzabili gli attraversamenti pedonali presenti in corrispondenza con le intersezioni con corso Martiri e via Boldini. Nelle due giornate di divieto i veicoli in transito in corso Giovecca con direzione 'centro città' saranno deviati su via Montebello e su via Boldini. I veicoli invece che transitano in viale Cavour con direzione dalla stazione ferroviaria verso il centro cittadino, saranno deviati lungo i percorsi via Cittadella/corso Porta Po e via Spadari/via Boccacanale S.Stefano.

Si invita a prestare attenzione alla segnaletica verticale che sarà collocata nei vari punti della città e in prossimità del cantiere.

L'Intervento sulla Chiesa di San Carlo Borromeo (progettata da Giovanni Battista Aleotti e completata nel 1623) è stato programmato dall'Azienda USL di Ferrara e riguarderà la messa in sicurezza del campanile, fortemente danneggiato dagli eventi sismici che hanno colpito l'Emilia-Romagna. La struttura, che rientra all'interno del patrimonio immobiliare dell'AUSL, ha un notevole valore storico-artistico nel panorama cittadino. L'intervento verrà effettuato da una ditta specializzata, intervenuta anche a L'Aquila dopo il terremoto, per il ripristino e la messa in sicurezza di edifici danneggiati.

Nelle prossime settimane partiranno anche i lavori di consolidamento della chiesa, precedentemente appaltati. L'’intervento prevede la cerchiatura con fibre al carbonio della parte superiore dell'edificio e il rafforzamento delle strutture portanti della copertura, salvaguardando il patrimonio pittorico conservato all'interno della chiesa. L'importo di questi lavori si aggira attorno ai 450.000 euro.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi

Commenti Recenti