Il 37% dei commercianti non fa lo scontrino

Ai lidi comacchiesi
Immagine di repertorio
17 Luglio 2012 |  Cronaca | Comacchio | Economia & Lavoro | Ferrara |

Ferrara - Si è conclusa domenica 15 sera l’operazione di controllo economico-finanziario dei Lidi Comacchiesi da parte della Guardia di Finanza di Ferrara.

Dopo gli interventi ispettivi di sabato (vedi articolo), dalle prime ore di domenica scorsa le pattuglie delle Fiamme Gialle sono ritornate “in spiaggia”, si sono nuovamente riversandosi negli stabilimenti balneari e sulle strade dei Lidi comacchiesi.

L'attività di controllo condotta dalla Guardia di Finanza nello scorso weekend sulla costa ha avuto il dichiarato scopo di prevenire e contrastare quelle manifestazioni di illegalità che danneggiano l’economia - ripercuotendosi sulle attività degli operatori commerciali “regolari” - dall'abusivismo commerciale alla mancata emissione di scontrini fiscali, fino ad arrivare all'accertamento dei contratti di lavoro per gli operatori dei lidi: l'esito delle ispezioni è stato poco confortante.

Su 153 controlli eseguiti in negozi, caffè, bar, ristoranti, in materia di emissione degli scontrini e ricevute fiscali sono stati complessivamente sono state constatate 57 violazioni (la mancata emissione dello scontrino) pari ad oltre il 37% del totale. Si alza dunque la media percentuale dei “negozianti manchevoli” rispetto ai controlli eseguiti dalla G. d F. 2012, pari al 28%.

Per quanto riguarda il contrasto all’ abusivismo commerciale ed alla vendita di prodotti contraffatti, nei due giorni di controlli sono stati sequestrati 1.600 capi ed accessori di abbigliamento con la denuncia di 8 persone, mentre su tre controlli in tema di regolarità del lavoro dipendente sono stati effettuati presso altrettanti stabilimenti balneari con la scoperta di un lavoratore in nero, mentre si è riscontrata la crescita esponenziale dei contratti di lavoro “a chiamata” (vedi articolo), che ha reso necessari altre verifiche sul trattamento contrattuale dei lavoratori stagionali.

Durante l’operazione le fiamme gialle hanno anche eseguito 36 controlli di autovetture di lusso al fine di segnalare all’agenzia delle entrate gli effettivi possessori per la successiva verifica della congruità dei redditi da questi dichiarati al fisco e numerosi controlli alla circolazione stradale, con l’elevazione di sanzioni al codice della strada.

Commenti

SCONTRINI

Provate voi a lavorare in proprio e poi ve ne accorgerete da soli.  Quando si vede una classe politica che non rinuncia a nessuno dei loro benefit, o non si riduce un po lo stipendio x solidarietà col resto degli italiani oramai in miseria, uno si arabatta come puo, chi fa i lavoretti a nero di muratura, falegnameria ecc, troppe tasse possono solo portare a questo, lo sperpero della classe politica , con la sua incapacità di salvare il paese e governarlo bene, non ultimo l'accordo colla mafia...., queste sono le ragioni della mancata emissione degli scontrini, lavoro a nero, e fanno solo bene.

Chi te lo fa fare di lavorare in proprio con un socio a più del 55% passivo che solo esige e non ti aiuta e difende da concorrenza sleale, non ti riconosce una pensione equa, e ora manco te la darà più....., allora devi difenderti, che senso ha investire in proprio per poi guadagnare meno di un dipendente pubblico , che ha il posto grazie a spinte e conoscenze....

Si deve procedere a un revisone del sistema fiscale e del sistema politico italiano, revisione totale, e riforma, tasse eque x tutti, solo allora , si potrà ripartire, domandatevi come mai nessun investitore estero viene più in Italia??, Troppo potere alle fiamme gialle e troppi abusi, sono loro i primi a mangiarci sopra, i primi a comperare mostrando il tesserino, che casualmente si apre mentre escono il portafoglio, ve lo dice un ex commerciante che ha lasciato l'italia, perchè stanco di un paese capace di sole chiacchere e pochi fatti e capace solo di porre rimedio, forse non ci riesce neanche, a questa crisi solo tassando , senza creare posti di lavoro...

Povera Italia, in mano a una classe politica a dir poco ladrona, capace solo di inciucci x restare al potere a scapito di chi veramente crea ricchezza, e viene vessato, troppi occupati nel pubblico, meno forze dell'ordine, meno dipendenti pubblici, meno sperpero, solo stipendi giusti reali come in germania, e resto dell'europa, anche per i politici e dipendenti pubblici, solo così si  riparte...

Uno dei tanti italiani all'estero che con malincuore vede il proprio paese sempre più affondare nella crisi...senza che si proponga una vera e radicale ristrutturazione del sistema Italia...

Vogli dirvi x chi non lo sapesse in USA, i primi 50 mila dollari guadagnati sono tassati al 15% dallo stato, fate voi......

Meglio evadere, no? Così

Meglio evadere, no? Così pagano tutto i dipendenti e chi dichiara tutto....
E poi per cortesia, basta portare sempre come l'esempio il mito americano. Col loro modello ci hanno portato sul baratro sociale, economico ed ambientale e siamo sempre a citarli!

Caro dipendente... Bisogna

Caro dipendente...

Bisogna essere lavoratori autonomi per capire il carico fiscale, i rischi e i problemi quotidiani che si hanno per portare a casa la pagnotta, rischiando soldini propri e vita propria, e visto che il prelievo fiscale globale è da record per i piccoli autonomi, solo allora caro mio dipendente potrai parlare, l'evasione non si giustifica, ma è l'unico modo di difenderti da uno stato vorace che crea disparità tra il lavoro da dipendendente e da autonomo, e l'america checchè se ne dica ancora traina e purtroppo pesa sulle sorti del mondo globalizzato, e permettimi caro dipendente, quanti di voi non hanno il doppio lavoro a nero, imbianchini, piccoli lavori di muratura, elettrici, giardinaggio , dai siamo coerenti in Italia così non si puo continuare, basta vedere questo Stato che ci mette l'uno contro l'altro,  uno che controlla e spia se l'altro ha di più, e loro la casta continuano a godere e ridere di questa situazione, mentre sprecano il denaro pubblico e sono incapaci di governare un paese, sembra d'essere al tempo degli untori, ma se facessimo tutti i dipendenti  allora problemi zero, peccato che non ci sia posto per tutti .......

E' ora di cambiare e riformare il sistema, solo così si potrà ricrescere, prova a metterti in proprio poi ne riparliamo......

Dimenticavo mettersi in proprio non è da tutti.......

Concordo con tutti e due, in

Concordo con tutti e due, in pratica ora è così, le categorie sociali sono in conflitto, l'arbitro non riesce a dare le opportune garanzie, il personale politico che dirige l'arbitrato pare non sia più in grado di trovare soluzioni utili al risolvimento della contesa econoimico/sociale se prima non risolve i gravissimi problemi radicati al suo interno.

Detta in parole semplici è la storia del cane che morde la propria coda per il male e quindi la morde sempre di più e questo fino a che non intervenga qualcuno che abbia il coraggio di staccarlo, l'alternativa sarebbe la probabile morte dolorosa del cane.

Capito il nesso?

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <p> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
You24
Tavolazzi torna alla carica: Hera nasconde la verità -
I Grilli Estensi sulla sicurezza in città -
Il PD nella Cento del Futuro -
arte
Galleria Tortora Agostino -
Museo d'Arte Moderna e Contemporanea "Filippo De Pisis" -
Galleria Lux -

Contenuti più visti