Un commercio più equo

Ferrara - Il commercio equo in Italia ha superato i 25 anni di età, un lungo percorso che ha cambiato l'idea di consumo del 25% degli italiani.

Un modello che ha avuto come principio fondante la lotta allo sfruttamento e alla povertà legate a cause economiche, politiche o sociali. Ma se ne sente veramente il bisogno? Serve ai produttori? Serve ai consumatori? Influisce sulle regole che strutturano il nostro sistema economico? Influisce sui comportamenti dei consumatori? Storia, presente e futuro del commercio equo e solidale nelle parole dei protagonisti con la forza delle persone, dei fatti e dei numeri.

Si confronteranno sull'argomento giovedì 28 giugno 2012 alle ore 18.00 presso il Camelot cafè - Parco Urbano G. Bassani:

Monica di Sisto, giornalista sociale specializzata nel commercio internazionale, esperta di economia solidale e cooperazione. Scrive per Altreconomia e l’agenzia ASCA, insegna Modelli di sviluppo economico alla Pontificia Università Gregoriana. Ha curato la comunicazione di realtà come il Contratto Mondiale dell’Acqua ed eventi come il Forum Sociale Mondiale. Fondatrice di Fair coop, è autrice del volume “Un commercio più equo, un ‘piccolo potere da prendere sul serio’. La scommessa del fair trade italiano raccontata in prima persona plurale” (Ed. Altraeconomia);

Marco di Tommaso: Docente ordinario di “Economia e Politica Industriale” ed “Economia e Politica dello Sviluppo” presso la facoltà di Economia e Commercio, dell’ Università di Ferrara e membro dell’Unita Tecnico-Scientifica del Ministero degli Esteri che supporta le attività del Tavolo intergovernativo Italia-Cina. David Cambioli: Presidente di altraQualità cooperativa di commercio equo e solidale di Ferrara e consigliere AGICES (Assemblea generale Italiana del Commercio Equo e Solidale).

A seguire verrà offerto un rinfresco a base di prodotti del commercio equo

Per informazioni: altraQualità scrl tel.0532 978893 amministrazione@altraq.it

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.