19 giugno 2012 - Ferrara, Cronaca

Truffe on line sempre più frequenti

Ferrara - Ieri la Polizia di Ferrara ha denunciato a piede libero un uomo di 30 anni residente a Bagno di Romagna, in provincia di Forlì-Cesena.

B.N. è stato denunciato per truffa ai danni di un giovane ferrarese: il 22 maggio scorso un ragazzo si era presentato presso gli uffici della questura per segnalare di essere stato oggetto di una truffa in internet. In particolare il giovane riferiva di aver acquistato in internet, sul sito subito.it, una Playstation 3 per 87 euro.

L’acquirente aveva preso contatti telefonici con il suo venditore per accordarsi sulle modalità di pagamento da effettuarsi tramite accredito su di una Postepay. La sera stessa il ragazzo aveva riprovato a chiamare il sedicente venditore ma non ottenendo nessuna risposta si era insospettito. Quindi, aveva ricontattato il venditore utilizzando un’altra utenza telefonica e si era proposto come un acquirente diverso interessato alla stessa merce: dall’altro capo del telefono B.N. aveva dato le stesse indicazioni di pagamento – dando quindi conferma dei sospetti.

Il 22 maggio quindi, quando il giovane ferrarese si è recato in Questura per sporgere denuncia, dagli accertamenti effettuati  gli agenti della Squadra Mobile della Polizia sono riusciti a risalire all’identità del truffatore, già conosciuto alle forze dell’ordine per altri reati riguardanti truffe on-line e quindi a denunciarlo a piede libero.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi