16 giugno 2012 - Ferrara, Cronaca

Arrestato il rapinatore seriale di farmacie

Ferrara - E’ stato arrestato nella serata del 12 giugno il rapinatore seriale che nelle ultime settimane aveva diffuso terrore nelle farmacie della provincia di Ferrara.

V.G. tossicodipendente ferrarese di 43 anni, residente a Massa Fiscaglia e con diverse condanne a carico per rapina, aveva messo a segno 3 colpi in tre diverse farmacie, sempre con le stesse modalità: irrompeva all’interno degli esercizi con il volto coperto da una bandana e brandendo un coltello da cucina si faceva consegnare l’incasso dal personale presente.

Nel corso della prima rapina, avvenuta lo scorso otto maggio in una farmacia di Migliarino, l’uomo aveva portato via circa 1.000 euro, mentre nella seconda – 1 giugno ad Ostellato il bottino era stato un po’ più magro, 600 euro.

Il 12 giugno, dunque, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Copparo, coadiuvati da quelli della Stazione di Massa Fiscaglia, si sono ritrovati ad arrestare un uomo autore della rapina a mano armata commessa lo stesso giorno alle ore 12.30 ai danni di una farmacia di Tresigallo: anche in questo caso, uno sconosciuto con il volto parzialmente coperto e armato di coltello era entrato nella farmacia, intimando ad una dipendente di consegnare l’incasso. Questa, impaurita, si è allontanata dalla cassa e quindi l’uomo ha potuto sottrarre dalla stessa 650,00 euro, dileguandosi a piedi per le vie cittadine.

Dalla descrizione del rapinatore e dal suo modus operandi i militari hanno intuito che poteva trattarsi di V.G., già identificato dai militari della Compagnia di Portomaggiore e dai militari della Stazione di Massa Fiscaglia quale autore delle altre rapine alle farmacie commesse in provincia di Ferrara. A questo punto si sono lanciati alla ricerca dell’uomo, setacciando la città di Ferrara, luogo notoriamente frequentato V.G., soprattutto nelle zone solitamente fpredilette dai tossicodipendenti : Stazione Ferroviaria e Piazza Travaglio.

Proprio qui nel pomeriggio dello stesso giorno è stata ritrovata una Fiat Panda rubata a Codigoro, regolarmente chiusa a chiave, che veniva pertanto monitorata a distanza da alcuni militari.

Poco dopo, alle 17.30, un carabiniere ha riconosciuto l’uomo mentre prendeva un taxi fuori la Stazione: V. G. a quel punto è stato fermato e accompagnato in caserma per i necessari ulteriori accertamenti.

Da una prima perquisizione i carabinieri gli hanno ritrovato 3 grammi di cocaina, degli abiti e un telefono acquistati poco prima in città, oltre che ad una discreta somma di denaro in banconote di piccolo taglio, ritenute il residuo dei proventi della rapina.

Nelle tasche dei pantaloni aveva diverse chiavi di autovetture, tra le quali risultava anche quella corrispondente alla Fiat Panda trovata in Piazza Travaglio. Ispezionata anche l’autovettura veniva rinvenuto, nascosto sotto il sedile, un coltello da cucina ritenuto quello utilizzato per la rapina alla farmacia di Tresigallo.

In base agli elementi, il P.M. di turno D.ssa Barbara Cavallo ha disposto che l’arrestato fosse trasferito presso la casa circondariale di Ferrara a sua disposizione, ma nella stessa serata i Carabinieri della Compagnia di Portomaggiore davano esecuzione all’Ordinanaza di Custodia Cautelare in carcere emessa dal GIP D.ssa Monica Bighetti del Tribunale di Ferrara su richiesta del P.M. dott.ssa Patrizia Castaldini nei confronti dello stesso V. G., ritenuto responsabile delle altre due rapine. V.G. quindi è in carcere: i Carabinieri ritengono di aver così fermato un soggetto pericoloso, che aveva preso l’abitudine di rapinare farmacie ogni volta che aveva bisogno di denaro.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.