Le lacune del sistema Musa di Ferrara

12 Giugno 2012 |  Economia & Lavoro | Cronaca | Terremoto Emilia | Ferrara |

Ferrara - A poco più di un anno dall'installazione del sistema “Musa”, sulla carta le zone della ZTL sembrano effettivamente impenetrabili da chi non è fornito di permesso.

Attraverso i varchi passano circa 4000/5000 veicoli al giorno forniti di tale autorizzazione, ma naturalmente trattandosi di barriere “virtuali” e non fisiche ci sono dei mezzi che transitano sprovvisti di permesso.

Il solerte occhio virtuale del Musa registra all'istante l'infrazione ma le multe vengono recapitate settimane o mesi dopo.

Molti ricorderanno il caso del ragazzo che in poco di più un mese (tra aprile e maggio 2011) collezionò circa cento contravvenzioni consegnate tre mesi dopo le violazioni contestate. In quel caso il venticinquenne era completamente sprovvisto di autorizzazione e con troppa leggerezza entrava in una zona interdetta al suo veicolo, ma probabilmente il sollecito invio delle contravvenzioni avrebbe dissuaso il conducente a violare la ZTL evitando così che la vicenda sfociasse nel grottesco con contravvenzioni per circa 10.000,00 euro.

Nei giorni scorsi un'automobilista ferrarese (residente nella ZTL) non si era resa conto di avere il permesso scaduto collezionando in pochi giorni ben 55 multe, per un valore di più di 5.000,00 euro. La donna si era resa inadempiente a causa di una distrazione causata ad un evento traumatico, quale la grave malattia della madre che la stessa accudiva.

A seguito del ricorso presentato contro il Comune di Ferrara il Giudice di Pace ha dato ragione all'automobilista, in base al principio della Cassazione “dell'errore scusabile”. La sentenza però evidenzia una lacuna troppo grande del sistema: sono tante infatti le situazioni analoghe causate dalla lentezza dell'invio delle multe.

Si presuppone che i soggetti che ripetutamente ignorano i varchi elettronici siano in buona fede, ed esiste una differenza sostanziale e giuridica tra chi compie la violazione con cattiva fede e buona fede. Secondo il sistema giuridico italiano, infatti, la buona fede comporta l’inesistenza del dolo o della colpa, necessari per determinare la responsabilità relativamente alle violazioni, amministrative e non.

A seguito di questa sentenza sarà possibile annullare in autotutela le contravvenzioni non definitive?

Il dubbio nasce anche per chi ha già pagato o sta per pagare non avendo la cultura giuridica necessaria per affrontare e superare il problema.

Onde evitare una pioggia di ricorsi il Comune potrà i qualche modo accelerare le procedure di invio delle contravvenzioni? Probabilmente sarebbe utile da parte dell'amministrazione anche un invio di comunicazioni di avviso di scadenza dei loro permessi.

Intanto, superata la prima fase post terremoto, da domani mercoledì 13 giugno torneranno le vecchie prescrizioni che regolano la ZTL ed i suoi varchi, come da regolamento comunale del 28-02-2011.

Il sindaco ha infatti firmato una nuova ordinanza che supera quella di sospensione del 23 maggio scorso. I residenti dovranno dunque iniziare a segnare di nuovo in agenda la scadenza dei permessi.

Commenti

porre rimedio

opportuno che l'amministrazione verifichi i casi analoghi e provveda all'annullo in autotutela ovvero al rimborso dei soggetti che hanno pagato. Impensabile persistere nella pretesa o trattenere il denaro riscosso. Nel procedimento, in prossimità della scadenza del permesso, è necessario avvertire il cittadino in tempo utile per il rinnovo.

Certo...il MUSA è stato

Certo...il MUSA è stato installato per questioni ambientali e di sicurezza....si...

l'Avviso della scadenza

l'Avviso della scadenza dell'assicurazione ( bollo) di un autoveicolo,lo inviano regolarmente, tutte le Compagnie di Assicurazione,per consentire ai loro clienti di mettersi in regola ed in più,ci sono 15 gg di tolleranza,dopo tale scadenza,nei quali è ancora possibile circolare, ancora coperti dall'assicurazione.Ma "esse" sono delle bieche aziende private,che non possono permettersi di perdere dei clienti,al contrario di una Amministrazione Comunale che può fregarsene ;tanto la gente mica si trasferisce.Ma,se avesse un pò più di memoria, dovrebbe  (quella  gente ),ricordarsene al momento di votare alle prossime elezioni amministrative.

le sanzioni emesse da un

le sanzioni emesse da un sistema automatizzato non possono essere notificate senza tenere in considerazione il contesto e la condotta del soggetto. L'amministrazione deve prendere coscienza che migliaia di euro non possono essere pretesi sempre per il solo fatto di essere stati emessi nel rispetto formale della norma. Assenza del permesso, più foto di musa, uguale multa legittima, è una operazione che non funziona. Aspettiamo di conoscere il cambio di rotta.

Cambio rotta? E cosa Le fa

Cambio rotta? E cosa Le fa pensare che ci sarà un cambio rotta? Possono mai buttare la gallina dalle uova d'oro?

Scusate, ma cosa pretendete

Scusate, ma cosa pretendete che si possa girare tutti liberamente nella ZTL? Adesso neanche più le multe vanno bene? Parlate con Rendine ed organizzate un banchetto con petizione e megafono!

pretendiamo che soggetti in

pretendiamo che soggetti in buona fede con permesso scaduto, perchè di durata annua o maggiore facilmente dimenticabile, non siano considerati come automobilisti irrispettosi del codice della strada. pretendiamo che migliaia di euro non vengano sottratti in casi analoghi. è doveroso istituire una verifica di queste fattispecie, perchè il giudice ha dichiarato la pretesa illegittima. non tutti hanno cultura, denaro e capacità di difendersi e il protrarsi di queste pretese auspico presto obblighi il giudice alla condanna alle spese. In concomitanza valutare anche gli altri rilievi: cartelli piccoli e nascosti o posizionati in modo irregolare.

concordo

concordo

Io, come la signora con permesso scaduto: 30 multe in pochi gg!

Lavoro in uno studio di mia proprietà in ZTL, al quale è annesso un posto auto coperto.  Il Comune mi fa pagare l’IMU su tale proprietà, ma per utilizzare la stessa (un posto auto non ha altra possibilità di utilizzo se non… mettendoci l’auto) devo fare domanda in carta bollata per ottenere un permesso annuale - pure esso in carta bollata - che vale solo un anno.  E se per caso ho una seconda auto, oppure uno scooter, il tutto si moltiplica. Lo stesso se cambio veicolo, ovviamente! Uno snervante sistema di balzelli e scartoffie dove l’errore è sempre in agguato. Se per caso prendo l’auto della mia compagna e, distrattamente, entro nel mio garage… pago! Ma fin qui passi.

E’ accaduto che il permesso l’ho richiesto prima dell’estate 2011 e mi è stato rilasciato un “provvisorio”. Tornato a prendere il definitivo, negli uffici del comune avevano finito gli stampati… ritornare! Insomma poi arrivò l’estate e (visto che d’estate mi muovevo in bicicletta) il permesso definitivo l’ho ritirato in novembre. Non feci caso alla scadenza: avevo memorizzato l'autunno come epoca per il rinnovo. ERRORE: evidentemente il permesso decorreva dalla domanda, quindi – ho poi scoperto – scadeva il 31 marzo 2012.

Risultato: tre giorni fa mi sono state notificate 6 multe da 90.23 euro ciascuna. Ma non sono certo le uniche (da quando mi hanno rubato la bicicletta) transito per lo stesso percorso una / due volte al giorno! All’URP del comando polizia municipale mi hanno riferito che ci sono altre 23 verbali (tutti identici) in arrivo, ma questo solo per quanto è possibile vedere dal sistema informatico, aggiornato ai primi di maggio!

La cosa grottesca è che, nel frattempo, ho ottenuto il rinnovo dei permessi, il che dimostra che ho sempre avuto il diritto di transitare, anche nel periodo intermedio, perciò la mia “colpa” si riduce ad una mera irregolarità formale.  Può una amministrazione speculare in questo modo sulla pelle dei cittadini? È eticamente corretto lucrare sulla buona fede dell’ignaro cittadino accumulando centinaia di euro di sanzioni per ogni giorno? 

Io ci ho perso il sonno.

Le favole raccontano di un tempo in cui le strade erano infestate di briganti che derubavano sfortunati viandanti  di tutti i loro averi:  cosa dobbiamo pensare di questi diabolici meccanismi?

musa e motoveicoli

 il sistema musa può essere utilizzato per rilevare contravvenzioni a motoveicoli? non potendo capire dalla foto se il motore è acceso o spento come dovrebbe essere trattata la segnalazione?

in un simile caso è utile fae ricorso?

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <p> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
You24
Tavolazzi torna alla carica: Hera nasconde la verità -
I Grilli Estensi sulla sicurezza in città -
Il PD nella Cento del Futuro -
arte
Galleria Tortora Agostino -
Museo d'Arte Moderna e Contemporanea "Filippo De Pisis" -
Galleria Lux -

Contenuti più visti