VI Biennale d'Arte a Ferrara

Tutta la città diventa galleria a cielo aperto
Scultura di Alba Gonzales, scultrice ospite della VI Biennale
10 Giugno 2012 |  Cronaca | Cultura e Spettacoli | Eventi | Ferrara |

Ferrara - Venerdì 15 giugno alle 18.30 al Chiostro del Complesso Monumentale dell'antico Ospedale Sant'Anna si inaugurerà la sesta edizione della Biennale Internazionale d'Arte di Ferrara: una kermesse di giovani artisti provenienti da tutto il mondo che occuperà luoghi prestigiosi del centro storico della città.

Da Castello Estense all’Oratorio dell’Annunziata, passando per il Torrione di San Giovanni, Ferrara vivrà intensi di attimi d’arte e cultura: la Biennale, infatti, sarà costellata di eventi collaterali, come perfomance artistiche dal vivo, incontri con gli autori, serate musicali, visite guidate alla scoperta della città di Ferrara e dei suoi luoghi più suggestivi.

La Biennale Internazionale d’Arte di Ferrara è una iniziativa culturale, alla sua VI edizione, che vuole portare in città un’occasione per apprezzare l’arte insieme ad artisti emergenti ed affermati, curators, giornalisti e critici d’arte.

Organizzata dall’Associazione Culturale Ferrara Pro Art in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Regine Emilia Romagna, ARCI Ferrara, Slow Tourism, Pro Loco Ferrara, Domus Turca; l'iniziativa ha anche il patrocinio del Comune di Ferrara.

In questa edizione verrà presentata una sezione particolare denominata “Talenti insoliti”, sarà dedicata alla creatività di soggetti diversamente abili, per favorirne l’inclusione nel panorama artistico, nella convinzione che la diversità psico-fisica sia portatrice di particolari sensibilità estetiche, un “valore aggiunto” per le diverse forme di espressione artistica.

Il percorso proposto dalla Biennale sarà strutturato in tre tranches, ciascuna delle quali durerà 5 settimane: la prima avrà luogo dal 15 giugno al 19 luglio e avrà come tema “La sostanza rivelata”, la seconda si svolgerà dal 13 settembre al 18 di ottobre e sarà dedicata alla via “Dall'ade all'estasi” e la terza ed ultima dal 8 novembre al 9 dicembre avrà come filo rosso lo slogan “Bona tempora currunt”.

Commenti

Interessante manifestazione

Interessante manifestazione che porterà Ferrara sui quotidiani specializzati a tutto vantaggio del suo ruolo di Città d'Arte ( antica e moderna ). In questo momento ,vista la pessima pubblicità che ci ha fatto il terremoto,si sentiva la necessità di notizie come questa che rilanciasse l'immagine di Ferrara.Un plauso agli organizzatori che hanno realizzato tutto in completo AUTO-FINANZIAMENTO.

E' ufficiale:l'astrattista

E' ufficiale:l'astrattista Alessandro Giorgetti,noto come l'erede ufficiale di mark Rothko,parteciperà a questa edizione della Biennale,con una sua opera "il Qubo",metafora di una terra martoriata,ma proiettata verso una rinascita.L'artista per tutti i 365 giorni del 2011 ha dipinti una mini tela di 20x20 cm.al giorno come un diario personale i quali tutti verranno esposti dal 15 al 23 Giugno,proprio nen complesso dell'Antico S.anna.Prima tappa di un "social" progetto che porterà tali opere fino a Dicembre in giro in altre  location di analogo grande valore artistico culturale.

Insieme ad Alessandro

Insieme ad Alessandro Giorgetti ,nato a Messina e quindi sensibile al tema dei terremoti,parteciperanno con le loro operre gli artisti Siarzhuk Cimohau bielorusso,Rita Vitaloni,Domini Art sudamericano ,il ceramista-scultore Goffredo Gaeta ,Roberto Bergonzo inventore della U-Art. Quella che si aprirà venerdi 15 sarà la prima delle 3 tranche prevista dal titolo "La sostanza rivelata."che terminerà il19 Luglio. A cui farà seguito "Dall'Ade all'estasi." dal 13 Settembre al 18 Ottobre,per terminare con "Bona tempora currunt."dall 8 Novembre al 9 Dicembre

questa è cultura e con la

questa è cultura

e con la cultura "si mangia"

si nutre lo spirito e si incentiva il turismo

Evviva la cultura e la specie umana che la produce

Ieri sera ho assistito

Ieri sera ho assistito all'inaugurazione della 6a Biennale d'Arte Moderna ospitata nei locali  a Piano terra,ristrutturati e pertanto perfettamente Anti-Sismici ( che confinano con il Consevatorio),che si sono dimostrati la LOCATION ideale per ospitare le opere degli importanti artisti contemporanei in precedenza annunciate. La Mostra è interessante e merita sicuramente una visita.

 Se per cultura si intende il

 Se per cultura si intende il reclutare aspiranti artisti che pagano per andare nelle avarie location della città come protagonisti di una fantomatica biennale d'arte allora sì, ci siamo in pieno, è davvero cultura questa, la cultura degli ignoranti. 

Bello il titolo di "galleria a cielo aperto", come parallelo a qualcos'altro a cielo aperto, tipo fogna a cielo aperto.

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd> <p> <br>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Maggiori informazioni sulle opzioni di formattazione.

To prevent automated spam submissions leave this field empty.
You24
Tavolazzi torna alla carica: Hera nasconde la verità -
I Grilli Estensi sulla sicurezza in città -
Il PD nella Cento del Futuro -
arte
Galleria Tortora Agostino -
Museo d'Arte Moderna e Contemporanea "Filippo De Pisis" -
Galleria Lux -

Contenuti più visti