23 maggio 2012 - Ferrara, Cronaca

Terremoto: Ferrara ha voglia di normalità

Ferrara - Non si ferma lo sciame sismico dopo la scossa di terremoto che nella notte fra sabato e domenica scorsa ha messo in ginocchio le province di Ferrara, Modena e Mantova.

Anche se la frequenza e la magnitudo delle scosse telluriche sembra calare, non cala la paura delle persone: ancora in molti scelgono di passare la notte in automobile e – anche se è forte la voglia di ritornare alla normalità – in città si fatica a lasciarsi alle spalle quanto accaduto.

Le ultime due scosse “rilevanti” si sono verificate alle 7.51 – magnitudo 3.7 – e un’altra alle 10.48 – magnitudo 3.2 – mentre nella notte i sismografi testimoniavano di scosse fra i 2 e i 2.9 gradi Richter.

Fra oggi e domani riapriranno la maggior parte delle scuole e gli uffici pubblici della provincia e della città, sono aperti i negozi, alberghi e ristoranti.

Stasera al Palasegest si giocherà la prima partita dei play off tra Mobyt Ferrara e Goldengas Senigallia alle 20.30, domenica al Mazza alle 16.30 ci sarà in campo la Spal contro il Pavia.

L'assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara ha inoltre confermato che da venerdì 25 a domenica 27 si terrà, come da programma, la manifestazione 'Arts&Events - 16.a Borsa del Turismo e delle Cento Città d'Arte d'Italia'.

Rinviati invece altri appuntamenti: il convegno nazionale “Nuove professionalità per il farmacista nell’area clinica”, organizzato dalla Società Italiana di Farmacia Ospedaliera per il 24 e 25 maggio, è stato sospeso a data da destinarsi.

Questa mattina il sindaco Tiziano Tagliani ha firmato un'ordinanza urgente nella quale vengono indicate, con efficacia fino alla cessazione della situazione di emergenza determinata dal sisma del 20 maggio scorso.

L'ordinanza decreta la temporanea sospensione degli effetti di tutte le prescrizioni che condizionanola circolazione nell’ambito delle zone a traffico limitato; la temporanea sospensione dei divieti di accesso in senso vietato, là dove la strada a senso unico sia oggetto di sbarramenti od occupazioni d’emergenza per crolli o pericoli dovuti ad instabilità strutturali, che rendono percorribile la strada soltanto nel senso vietato; la temporanea sospensione dei provvedimenti che subordinano l’occupazione del suolo pubblico stradale all’emissione di atti formali di abilitazione, in tutti i casi in cui sussista la necessità urgente di allestire misure protettive della pubblica incolumità in aree sottostanti agli edifici pubblici e privati; che i pedoni transitino, usando l’opportuna prudenza, a debita distanza dai prospetti degli immobili pericolanti, con possibilità di camminare al di fuori del marciapiedi e fruendo della carreggiata stradale.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi