16 maggio 2012 - Ferrara, Comacchio, Cronaca, Eventi, Politica

Beppe Grillo di nuovo a Comacchio per Marco Fabbri

Comacchio - Domani pomeriggio alle 18.00 Beppe Grillo torna a Comacchio per scaldare ancora gli animi della politica in vista del ballottaggio per l’elezione del Sindaco fra Marco Fabbri, ventinovenne del Movimento 5 Stelle - faccia nuova e pulita della politica locale - sfida Alessandro Pierotti – avvocato del PD appoggiato da una coalizione composta da I.V.D. e U.D.C con Lista Civica Futura Comacchio e la Lista Civica l'Onda.

Il blogger più seguito e commentato d’Italia torna a Comacchio per sostenere Marco Fabbri e il suo gruppo, giovane e attento, che vuole dare voce a quanti invocano “aria di cambiamento” nella vita politica e sociale del territorio comacchiese.

C’è grande attesa per la nuova visita di Grillo: accolto da una foltissima folla ai Trepponti il 26 aprile scorso, aveva intrattenuto il pubblico di elettori e curiosi con un comizio-show in pieno stile Grillo, sparando a zero sulla politica dei partiti ormai in agonia e chiarendo apertamente ai Comacchiesi che nelle cabine elettorali si sarebbero trovati a scegliere se seguire nel baratro i partiti della vecchia politica o fare un salto nel buio, seguendo il gruppo di Fabbri.

Dai risultati elettorali della prima tornata è parso abbastanza chiaro che circa 22 persone su 100 abbiano scelto di saltare il fosso: domenica e lunedì prossimi dovranno confermare il balzo e – magari – invitare chi non è andato a votare 15 giorni fa a saltare insieme a loro.

Stamattina, dopo che l’avversario Pierotti aveva presentato la lista degli assessori che comporrebbero la giunta se dovesse vincere, Marco Fabbri ha voluto rispondere alle questioni sollevate dal candidato sindaco del PD. “Io credo che in questo momento sia indispensabile per noi del Movimento 5 Stelle essere presenti sul territorio, parlare con la gente, spiegando cosa vorremmo fare per questa città. Noi vogliamo chiamare alle urne per il ballottaggio gli elettori che alla prima tornata di 15 giorni fa si sono astenuti”.

Alla richiesta di Pierotti di fare i nomi della giunta che proporrebbe il Movimento 5 Stelle, Marco Fabbri ha risposto “Se facessimo i nomi dei nostri possibili assessori avremmo la presunzione di vittoria, che non è scontata per nessuno. Quello che ci interessa ora è lavorare serenamente fino a domenica”. Altro nodo da sciogliere per Fabbri restano le aspre critiche che Pierotti e i suoi sostenitori muovono al Movimento 5 Stelle per non aver evitato ogni confronto diretto prima del ballottaggio. “Io credo che per noi sia più significativo parlare direttamente alla gente di fatti e problemi reali. Oltretutto noi non ci siamo sottratti al confronto: siamo stati invitati da diverse associazioni di categoria, movimenti e gruppi ad un téte-a-téte con Pierotti ma ci è sembrato che fossero tutti incontri in qualche modo “costruiti”, con una scaletta e dei mediatori imposti da altri. Allora abbiamo fatto una controproposta: un faccia a faccia organizzato secondo dei temi, incontrando insieme un gruppo d’interesse alla volta. Ci è stato detto che non sarebbe stato possibile e quindi abbiamo deciso di continuare con il nostro percorso: parlare alla gente, far nascere in chi non ha votato la fiducia e la speranza di poter partecipare alla vita politica della città”.

Per quanto riguarda l’appoggio delle altre correnti e gruppi politici, Fabbri non si sbilancia “Cavallari e SEL mi hanno pubblicamente annunciato il loro appoggio, senza nessun sintomo di apparentamento, PDL ha fatto lo stesso, la Lega ha lasciato assoluta libertà ai suoi elettori e lo stesso ha fatto Voce Giovane per Comacchio di Lealini. Non mi preoccupa la governabilità, chiunque dovesse vincere il ballottaggio: siamo pronti a fare le scelte necessarie per il bene della città, anche stando all’opposizione”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Commenti Recenti