8 maggio 2012 - Ferrara, Comacchio, Cronaca, Eventi, Politica

Elezioni a Comacchio: al ballottaggio Pierotti e Fabbri

Comacchio - Si sono concluse le operazioni di spoglio delle schede elettorali per l'elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale di Comacchio, unico comune della provincia di Ferrara ad andare alle urne. Nessun vincitore, si va al ballottaggio fra due settimane.

Alessandro Pierotti, candidato della coalizione fra P.D., I.V.D. e U.D.C con Lista Civica Futura Comacchio e la Lista Civica l'Onda, si è fermato al 36,48% con 4.075 voti mentre Marco Fabbri del Movimento 5 Stelle è arrivato al 22,28% con 2.489 voti.

Le percentuali di voto degli altri candidati:

- Antonio Di Munno (Lista Civica il Faro, PDL) 14,57% con 1.628 voti

- Fabio Cavallari (Centrosinistra per Comacchio – P.R.C., C.I., - I.D.V. - S.E.L.) 11,25% con 1.257 voti

- Alberto Lealini (Lista Civica Voce Giovane per Comacchio) 9,24% con 1.033 voti

- Maura Tomasi (Lega) 6,15% con 688 voti.

Grande la soddisfazione di Alessandro Pierotti e del suo gruppo “Senza vedere i risultati definitivi per i singoli partiti già traspare un buon risultato per la mia lista e un crollo di PDL e Lega – ha commentato a caldo il candidato sindaco - Senza dubbio la coalizione che mi sostiene oltre che a voler presentare candidati con maggior esperienza politica vuole principalmente garantire governabilità tenendo conto delle esigenze della società civile. Nonostante quest’ottimo risultato torneremo a parlare alla gente, anche perché l’interrogativo che ci dovremmo porre è perché non si vada a votare.” Pierotti propone anche una visione più tecnica dei risultati elettorali “C’è da chiedersi il perché della grande crescita del Movimento 5 stelle e sarebbe utile capire come si è distribuito il voto, perché il territorio di Comacchio è molto composito e a maggior ragione il voto si distribuisce sui programmi”.

Stupiti della percentuale di voti raggiunta ma non della risposta del territorio, Marco Fabbri ed il suo gruppo di lavoro pensano già a domani. “Abbiamo corso tanto in questi mesi, per portare avanti una campagna elettorale impegnativa che è costata poco più di 1.000 euro e il risultato ci lascia molto soddisfatti. Quello che ci ha spinti in alto nella corsa elettorale è stato l’essere stati vicini alla popolazione e al territorio, cosa che continueremo a fare nelle prossime settimane soprattutto per portare a votare chi ieri e oggi non è venuto alle urne”. Per quanto riguarda i “numeri” da portare per vincere al ballottaggio il ventottenne comacchiese non ha dubbi : “Noi non ci apparenteremo con nessuno con lo scopo di vincere, io mi affido ai cittadini che hanno voglia di cambiare rotta: in tanti hanno scelto di non votare e saranno loro a fare la differenza".

Contento anche Alberto Lealini, candidato per la Lista Civica Voce Giovane per Comacchio che con il suo 9,24% di preferenze ha raccolto il voto di chi crede nell’importanza dei beni comuni e nelle peculiarità specifiche del comacchiese: natura, ambiente e turismo. “Siamo contenti che un movimento giovane, sia per età anagrafica dei suoi aderenti che perché formatosi da poco, abbia trovato tanto spazio e consenso in una realtà come la nostra. Siamo soddisfatti dell’opportunità che la fiducia degli elettori ci ha dato: avere una voce in consiglio comunale.”

Soddisfazione anche per Fabio Cavallari, candidato sindaco della coalizione di Centrosinistra per Comacchio - Italia dei valori (Idv) - Sinistra ecologia e libertà (Sel) - Federazione della Sinistra (Prc + Pdci). “Reputo ottimo il mio risultato personale e quello della coalizione, siamo contenti della risposta della città. Già in settimana vorrei mettere intorno ad un tavolo le diverse anime della coalizione per fare il punto della situazione e decidere insieme come comportarci al ballottaggio. Di sicuro non sceglieremo nessun tipo di apparentamento.”

La candidata della Lega, Maura Tomasi ha dichiarato “Ho una sensazione positiva sull’esito del voto, non condivido affatto il punto di vista disfattista dei miei avversari rispetto ai risultati della Lega. Di positivo vedo che per fortuna il terremoto che c’è stato a livello nazionale nel partito non sembra aver minato la fiducia che i comacchiesi ripongono in noi e questo accade perché il nostro resta il partito di  alternativa al vecchiume della politica di questa città, in quanto ha saputo investire sui giovani ed ha saputo anteporre la faccia dei propri candidati a tutto il resto”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Commenti Recenti