21 aprile 2012 - Ferrara, Comacchio, Cronaca, Politica

Ultima spiaggia per i lidi?

Bersani a Comacchio incontra Assobalneari Italia

Oggi alle 13.00 a Comacchio (loc. Lido degli Estensi) in provincia di Ferrara, il Segretario del Partito Democratico On. Pierluigi Bersani ha incontrato il Presidente di Assobalneari Italia - Federturismo Confindustria Fabrizio Licordari per trattare il tema dell' applicazione della Direttiva Bolkestein e le sue pesanti ricadute sulle imprese balneari Italiane.
Il Presidente Licordari ha avuto l' occasione di poter spiegare all' On Bersani in quale situazione si trovano oggi 30.000 imprese balneari italiane che non hanno la certezza di continuare ad esercitare la propria attività dopo il termine del 2015, con la conseguente paralisi degli investimenti, che si sta ripercuotendo anche su tutte le imprese, tipicamente italiane e non cinesi o dell' Est, che lavorano e riforniscono gli stabilimenti balneari offrendo un prodotto tipicamente "made in Italy".
Dichiara il Presidente di Assobalneari Italia:"Ho parlato a nome di Assobalneari Italia-Federturismo Confindustria, Fiba Confesercenti, Cna, Sib Confcommercio, e cioè in rappresentanza del 97% delle aziende balneari del nostro Paese trovando il Segretario Bersani molto attento circa la nostra questione e mi ha dimostrato la sua forte preoccupazione per quanto ho avuto modo di esporgli.
Ho avuto modo di illustrargli il documento scaturito dalla manifestazione del 18 Aprile svoltasi a Roma sottoscritto dalle quattro Organizzazioni nazionali - prosegue Licordari - spiegando che una corretta applicazione della Direttiva Bolkestein non riguarda le nostre concessioni ai fini turistico ricreativi, che necessitano di una disciplina legislativa DEROGATORIA per ridare fiducia agli imprenditori e rilanciare il nostro settore che non sta più effettuando investimenti.
Avevamo un contratto con lo Stato e questo è venuto meno ed ora siamo sottoposti ad una confisca che non possiamo accettare - ha sottolineato il leader di Assobalneari Italia aderente a Federturismo Confindustria rivolgendosi all' On. Bersani - e per questo Le chiediamo un Suo autorevole intervento, che sia di incisivo supporto anche alle azioni portate fino ad ora avanti da componenti del Suo gruppo al Senato e alla Camera, che senza il quale rimangono azioni di buona volontà ma non producono risultato, comunque con la necessità di avere un Parlamentare individuato come referente per concertare con le Associazioni le iniziative in modo coordinato.
Avevamo l' accordo con i Ministri Gnudi e Milanesi di una convocazione ad un tavolo tecnico ma non ne abbiamo saputo più nulla e abbiamo il timore - ha concluso Licordari - di trovarci con delle norme preconfezionate sulle quali poi sarà difficile intervenire, mentre ciò non deve avvenire perchè vogliamo condividerne i contenuti a tutela del futuro di migliaia di aziende e di famiglie con la salvaguardia di un settore che ancora oggi produce occupazione ed è un volano per l' economia turistico nazionale".
L' On. Bersani ha preso atto della grave situazione e ha manifestato la sua solidarietà e preoccupazione, garantendo un suo personale intervento per affrontare la delicata questione con il Ministro Moavero Milanesi, e garantendo l' impegno del Partito Democratico per ridare fiducia a tutto il comparto che, tra addetti e indotto, sono circa 1.000.000 di importanti posti di lavoro, assicurando la piena disponibilità a fare avere notizie in merito quanto prima.
Il presidente di Assobalneari Italia ha consegnato nelle mani del Segretario Bersani il documento a firma delle 4 Organizzazioni nazionali e il documento del 18 Aprile prodotto dall' Anci, in cui i Comuni Italiani chiedono la Deroga alla Direttiva europea.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.