28 marzo 2012 - Ferrara, Cultura e Spettacoli

Rileggere Pinocchio nel 2012

Un classico per capire meglio il carattere degli italiani

Venerdì 30 marzo alle 17 alla sala Agnelli della biblioteca Ariostea (via Scienze 17) per il ciclo 'Italiani Brava Gente! - rileggere il carattere degli italiani' Antonio Faeti propone una rilettura e un'analisi di "Pinocchio" di Carlo Collodi. 

Quarto incontro con “Italiani brava gente!”, ciclo di approfondimenti che, attraverso la scelta di testi classici della nostra letteratura, cerca di delineare alcuni tratti del carattere degli italiani. Pinocchio, forse il libro italiano più famoso e più tradotto nel mondo, non rappresenta soltanto una pietra miliare nella letteratura per ragazzi del nostro Paese, ma è anche - a detta di molti - una allegoria della società moderna, uno sguardo impietoso sui contrasti tra rispettabilità e libero istinto, alla fine del XIX secolo. Ad accompagnarci in questo percorso di rilettura e analisi di un grande classico sarà Antonio Faeti, uno dei più acuti e profondi conoscitori della letteratura per ragazzi, che non mancherà di fornire elementi di riflessione e stimoli critici di grande originalità e spessore teorico.

Presenta e coordina Patrizia Lucchini, direttrice della biblioteca Comunale di Copparo. L'iniziativa è a cura dell’Istituto Gramsci di Ferrara e dell’Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara. 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Commenti Recenti