21 marzo 2012 - Ferrara, Cultura e Spettacoli

Live i Giardini di Mirò

Anteprima nazionale a Ferrara dell'album "Good luck"

Giovedì 22 marzo alle ore 21 la Sala Estense di Ferrara ospita la presentazione in anteprima nazionale del nuovo album dei Giardini di Mirò: “Good Luck”.

I Giardini di Mirò sono una delle più importanti band di rock indipendente italiano. Dal post-rock degli esordi, la loro musica si è progressivamente evoluta, assorbendo influenze, soprattutto anglosassoni, ma senza rinunciare a una sua peculiarità tutta italiana. Le ultime produzioni della band, così come il disco in uscita, hanno fatto segnare una decisa evoluzione stilistica, con un progressivo avvicinamento verso una forma-canzone più tradizionale. Formatosi a Cavriago, nella provincia reggiana, il gruppo prende il nome in prestito da un’oscura formazione progressive degli anni settanta.

Dopo le prime uscite autoprodotte, che ottengono ottimi riscontri di critica, i Giardini di Mirò partono per un lungo tour che li vede suonare al fianco di gruppi di spicco come Godspeed You! Black Emperor e Karate. Nel 2001 vede la luce l’album d’esordio, “Rise And Fall Of Academic Drifting”, struggente raccolta di suadenti cavalcate art pop, avvolgenti e malinconiche. Il disco, stampato dalla bolognese Homesleep, li consacra come band di spicco nel panorama indipendente italiano e li pone all’attenzione della fiorente comunità neo-elettronica che remixerà l’intero album. Il secondo lavoro sulla lunga distanza è “Punk… Not Diet”, album caratterizzato da una decisa evoluzione stilistica, dovuta all’introduzione di un’inedita componente elettronica, frutto dell’esperienza dei remix, e all’ingresso in pianta stabile del cantante Alessandro Raina.

La voce viene ora usata come un nuovo strumento, capace di arricchire la già corposa trama di suoni e centro da cui si dipartono evocative digressioni strumentali. Il gruppo, pur mantenendo quell’epica emozionalità e quei crescendo estatici che costituiscono ormai un vero e proprio marchio di fabbrica, si concentra sulla canzone nella sua forma più tradizionale, meticciandola ed arricchendola con suggestioni indie-troniche di stampo Morr. Dopo “Hits for broken heart and asses”, summa che raccoglie i singoli e gli EP editi prima dell’album d’esordio, è la volta di “Dividing Opinions”, il disco della maturità, nel quale l’urgenza espressiva fa il paio con parti orchestrali gentili e con ballate intense e inquiete. Il progetto successivo è la sonorizzazione di un film di inizio secolo, “Il Fuoco” di Giovanni Pastrone. La forza delle immagini sembra infondere nuova ispirazione alla band di Cavriago; l’album che ne risulta è strutturato secondo tre grandi movimenti di una possibile sinfonia post-rock. Brevi sonate da camera si alternano con atmosfere cinematiche e con i classici crescendo chitarristici. E, infine, ed è storia d’oggi, il ritorno alle scene con un album di inediti dopo una lunga assenza dalle scene. Registrato a San Prospero di Correggio, non lontano da dove i CCCP registrarono "Epica Etica Etnica Pathos", il disco ha il sapore di questa terra. Un album nato da poche sessioni di prova molto distanti tra loro, in mezzo alle quali il gruppo ha suonato pochissimo in Italia e di più in Germania, come ad estraniarsi dal corso attuale delle vicende musicali del nostro paese ed andare all'estero per ritrovare il suo suono.

Per ricostruirlo su quei palchi, continuando a vivere il sogno di gruppo musicale europeo. “Good Luck” è anche un disco che ha visto chiudersi una fase ed aprirsene un’altra con l'avvicendamento alla batteria tra Francesco Donadello, che lascia il natio suolo per trasferirsi a lavorare in quel di Berlino, ed Andrea Mancin. Fra gli ospiti si segnalano Sara Lov (Devics), Stefano Pilia dei Massimo Volume (che sarà ospite della data ferrarese) ed Angela Baraldi.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi