21 febbraio 2012 - Ferrara, Cronaca

In vendita diversi immobili della Provincia

Per Palazzo Melli base d'asta di un milione e mezzo di euro

La Provincia mette sul mercato alcuni pezzi del proprio patrimonio immobiliare.

Fra questi c’è palazzo Melli, al civico 116 di via Carlo Mayr in città. Un milione e mezzo è il prezzo a base d’asta dell’immobile che fu residenza dei nobili Marchesi Villa e il cui impianto originario risale al XV secolo. Dal 1983 il palazzo è inutilizzato, da quando l’allora Provveditorato agli Studi si spostò nell’attuale sede di Palazzo Polo in via Madama, anch’esso di proprietà della Provincia. Soffitti a cassettoni, affreschi, uno scalone monumentale, un ampio giardino all’interno, sono solo alcune caratteristiche dello storico complesso messo in vendita dall’amministrazione del Castello Estense, che si estense su una superficie lorda complessiva di 2.700 metri quadrati.

Ma palazzo Melli non è l’unico immobile che rientra nel piano dismissioni della Provincia, comprendente oltre trenta beni, tra edifici, terreni e relitti stradali. Ne fanno parte, infatti, l’ex comando dei Vigili del Fuoco, messo sul mercato in un primo tentativo d’asta a 2,8 milioni. Segue poi il fondo rustico La Comune di Malborghetto, con annesso un edificio al suo interno di 500 metri quadrati. In questo caso due sono le aste che riguardano i terreni, per un valore di 194mila, e la corte, per ulteriori 160mila.

Si prosegue con l’abitazione – alloggio del custode dell’Istituto Bachelet, nella sede di via Azzo Novello (in attesa di una stima tecnica precisa), alcune aree a ridosso della spiaggia al Lido di Volano (del valore complessivo di 491mila) e, poco distante, un edificio risalente ai tempi della bonifica ferrarese (anch’esso in fase di stima tecnica).

Per informazioni è a disposizione l’ufficio Patrimonio della Provincia (tel. 0532/299408 oppure 328/1507046).

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi