12 gennaio 2012 - Ferrara, Cronaca

Ecco come Hera garantisce qualità dell’acqua e trasparenza

Tutte le informazioni per una scelta consapevole con campagna di Coop 'Acqua di Casa Mia'

Per circa 3,1 milioni di cittadini 250 milioni di metri cubi d’acqua buona da bere
Hera è il secondo operatore nazionale nel servizio idrico, con oltre 250 milioni di metri cubi di acqua potabile distribuiti a circa 3,1 milioni di cittadini in 226 comuni. L’azienda gestisce 31.203 km di rete acquedottistica, 326 impianti di potabilizzazione e 1.415 punti di captazione. Nel territorio ferrarese Hera opera su un ampio complesso di strutture formato dalla centrale di Pontelagoscuro e dalla centrale di potabilizzazione di Stellata, dalle due centrali di distribuzione di Cento e di Monestirolo, da 17 serbatoi, da 2.400 chilometri di rete, completamente interconnessa, e da 5 interconnessioni con altri acquedotti erogando agli utenti anno circa 20 milioni di metri cubi d’acqua potabile buona e sicura. In base al piano di controlli, nel 2010 l’azienda ha  compiuto 5.504 analisi sui 16 principali parametri che definiscono la qualità dell’acqua. Le concentrazioni medie di 6 parametri, selezionati in quanto a più alto tenore di tossicità secondo l’Organizzazione Mondiale Sanità (clorito, trialometani-totale, tetracloroetilene+tricloroetilene, nitrato, nitrito, antiparassitari-totale), sono risultate inferiori ai limiti di legge mediamente dell’84%.
Ai controlli direttamente eseguiti da Hera, si aggiungono quelli svolti dall’Azienda Usl che nel solo 2010 ha esaminato 634 campioni prelevati negli impianti di distribuzione della Provincia di Ferrara.
Tante le iniziative dell’azienda per garantire la massima trasparenza, tra cui la pubblicazione on-line dei risultati dei monitoraggi in tutti i comuni serviti già dal 2008. Così Hera si presenta al lancio delle etichette dell’acqua a fianco della campagna di Coop “Acqua di Casa Mia”.
La trasparenza: il nuovo canale acqua su www.gruppohera.it/acqua e il report “In buone acque”
Come faccio a conoscere tutte le caratteristiche dell’acqua del rubinetto? Basta un clic sul sito di Hera. L’azienda ha rappresentato una delle prime esperienze in Italia ad attivare on-line, nel 2008, una sezione dedicata alla qualità dell’acqua, permettendo ai clienti di visionare i risultati aggiornati delle analisi sulle acque distribuite in ogni comune. Questa sezione è stata di recente rinnovata, per consentire ai cittadini di trovare tutte le informazioni necessarie per operare una scelta consapevole. Il canale acqua, su www.gruppohera.it/acqua, contiene oggi anche una sezione “L’esperto risponde”, con le risposte alle domande più frequenti e la possibilità di inviare nuovi quesiti direttamente ai tecnici del Gruppo. Allo stesso indirizzo sono anche disponibili atti di convegni, materiale didattico, video, un approfondimento sull’acqua nei prodotti e negli alimenti e il report “In buone acque”
Il report “In buone acque” è, invece, una pubblicazione annuale del Gruppo Hera, unica a livello nazionale, che ha l’obiettivo di rendere accessibili a un ampio pubblico le attività svolte dall’azienda per garantire la qualità dell’acqua potabile. Il report approfondisce i sistemi di governo delle acque, i processi di gestione del servizio idrico e i dati dei controlli effettuati, confrontati con i limiti di legge e le acque minerali. La pubblicazione è giunta alla terza edizione e viene distribuita ai principali interlocutori dell’azienda, alle pubbliche amministrazioni, alle scuole e, attraverso la rete di sportelli del Gruppo, anche ai clienti.
Un servizio di qualità: all’avanguardia con il polo telecontrollo reti e impianti e il Sistema Laboratori
L’azienda si avvale per lo svolgimento delle proprie attività sul ciclo idrico di strutture ad alta tecnologia. L’attività d’analisi dei campioni è svolta dal Sistema Laboratori del Gruppo Hera, che garantisce ai gestori degli impianti sui diversi territori un supporto analitico 24 ore su 24 e in tutti i giorni dell’anno, attraverso il lavoro di circa 80 tecnici specializzati. Nel 2010, le analisi sulle acque potabili sono state 398.587, circa 1.100 al giorno. La gestione Hera di reti e impianti del ciclo idrico è supportata anche dal polo di telecontrollo del Gruppo, il più grande d’Italia e uno dei maggiori in Europa per numero di servizi e punti gestiti. Questa struttura occupa 60 operatori, dispone di una sala di 400 mq, 30 postazioni e uno schermo gigante di 60 mq dal quale sono controllati a distanza 100.000 punti.

INFORMAZIONI IN BREVE
I numeri di Hera sui controlli e la qualità dell’acqua
Il Gruppo: 398.587 le analisi effettuate nel 2010 sulla qualità dell’acqua, circa 1.100 al giorno – 80 tecnici specializzati nel Sistema Laboratori al lavoro 24 ore su 24, 365 giorni l’anno.

La trasparenza nei confronti della qualità dell’acqua

Dal 2008 on-line i risultati delle analisi aggiornati su www.gruppohera.it/acqua
Alla terza edizione il report “In buone acque”, pubblicazione annuale unica in Italia sulla qualità dell’acqua.

Anche i dipendenti Hera bevono acqua di rete: in due anni 1 milione di bottiglie di plastica in meno
Il Gruppo ha installato nelle sedi e nelle mense aziendali degli erogatori per dare la possibilità ai dipendenti di scegliere l’acqua del rubinetto. Negli ultimi due anni, con questi dispositivi sono stati consumati 680.000 litri di acqua di rete al posto della minerale, che corrispondono a minori rifiuti prodotti pari a circa 1 milione di bottigliette di plastica (600 cassonetti in meno da gestire), minori emissioni di CO2 pari a 196 tonnellate e minori consumi energetici pari a 70 TEP (Tonnellate Equivalenti di Petrolio).

Che acqua bevono i clienti Hera?

Il Gruppo Hera pone questa domanda alle famiglie servite già dal 2005. Nel 2010, la percentuale di cittadini che decidono di bere esclusivamente l’acqua di rubinetto presenta il valore maggiore riscontrato negli ultimi sei anni: 38% del totale. Ciò si riflette nella percentuale della popolazione che beve unicamente acqua in bottiglia, che risulta al contrario la minore.
 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.