19 marzo 2010 - Ferrara, Cronaca

Sette nuovi semafori acustici

Si allunga la lista dei dispositivi cittadini per i non vedenti

Una bussola sonora per attraversare le strisce in tutta sicurezza. A fornirla, in particolare alle persone non vedenti, sono i semafori di sette attraversamenti pedonali situati lungo il percorso dalla stazione ferroviaria a corso Giovecca.
Il progetto comunale che ha permesso l’installazione dei dispositivi acustici, tutti in funzione entro i prossimi giorni, punta a rispondere a un’esigenza espressa dalla sezione ferrarese dell’Unione italiana ciechi che ha chiesto di ampliare il numero di attraversamenti stradali cittadini dotati di avvisatori sonori per le persone con deficit visivi.
L’intervento, curato dal settore comunale Opere pubbliche e Mobilità, con la supervisione della Commissione tecnica accessibilità, ha interessato in particolare i passaggi pedonali di viale IV Novembre (all’intersezione con viale Cavour e viale Costituzione); di corso Isonzo (all’intersezione con viale Cavour); di viale Cavour (per l’attraversamento di corso Isonzo – via Cittadella); di corso Biagio Rossetti (per l’attraversamento di corso Ercole I d’Este); e di corso Giovecca (per gli attraversamenti dei “4S”, di via Borgo Leoni e di via Palestro).
I semafori sono stati dotati di dispositivi acustici, a norma di legge, sui lati opposti di ogni passaggio pedonale e i tasti di chiamata sono stati sostituiti con pulsanti corredati da simbologia braille. Due le possibilità di richiesta di attraversamento offerte da ognuno dei semafori coinvolti: una per i normali pedoni, che premendo il tasto di chiamata ottengono l’introduzione nel ciclo semaforico di una fase a loro dedicata, e una per i non vedenti che, a richiesta, ottengono l’attivazione del segnale acustico in corrispondenza della fase loro riservata. Unica eccezione è quella prevista per i semafori all’incrocio dei 4S, che, considerata la posizione centrale, priva di abitazioni residenziali e ad alta frequenza di turisti, attiveranno il “cicalino” ogni volta che scatterà il verde per i pedoni, nella sola fascia diurna.
I nuovi semafori per non vedenti vanno ad accrescere la lista di quelli già presenti in diversi punti della città e installati a partire dagli anni’80, quando Ferrara si distinse per la sperimentazione di questa forma di abbattimento delle barriere architettoniche. Di recente attivazione sono, tra gli altri, quelli di via Bologna, di via Naviglio e del terminal di via del Lavoro.
L’intervento ha comportato una spesa di 22mila euro.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.