2 maggio 2011 - Ferrara, Cultura e Spettacoli

Un libro per ricordare Michele Tortora

Presentazione martedì 3 maggio nella residenza municipale

E’ dedicato a Michele Tortora, l’antifascista, il partigiano, il sindaco del Cln il libro di Barbara Tortora (Ed. Tresogni 2011) che martedì 3 maggio alle 17 sarà presentato nella sala Arengo della residenza municipale.

Interverranno all’incontro, promosso dal Museo civico del Risorgimento e della Resistenza, il sindaco Tiziano Tagliani, la responsabile dello stesso Museo Delfina Tromboni e il presidente dell’Anpi Daniele Civolani. L’iniziativa rientra nel calendario delle manifestazioni cittadine per il 66° anniversario della Liberazione, curato dal Comitato costituito da Prefettura, Comune e Provincia di Ferrara, e dalle altre istituzioni e associazioni del territorio. 

Nel XX secolo si sono dipanate vite, di uomini e di donne, che si sono trovate davanti a scelte dirimenti. Esse richiedevano una presa di posizione precisa, non ritagliabile nella fascia di variegati grigi che sta normalmente tra due opposti, convenzionalmente il bianco ed il nero. Movimenti e soggetti collettivi, eventi che coinvolgevano masse sterminate di uomini, mettevano il singolo di fronte alla necessità di una assolutamente singola assunzione di responsabilità. Etica, fors’anche prima ancora che politica.

Michele Tortora – a Ferrara noto come “il Sindaco del CLN”, eletto cioè in seno al Comitato di Liberazione Nazionale per guidare la transizione dalla Liberazione alle prime elezioni amministrative - attraversò questa temperie in più occasioni: quando si trattò di decidere se andare in guerra, nella prima mondiale, che per l’Italia aveva anche e non secondariamente la connotazione della ricongiunzione con territori ancora “irredenti”; quando il fascismo sommerse la fragile democrazia liberale garantita da un’ancor più fragile monarchia; quando in Spagna si combattè la prima battaglia fronte a fronte tra fascismo e democrazia popolare; quando in Italia si riaprì, con la nascita della Resistenza, la possibilità di uscire con onore dalla dittatura.

A lui, formato alla politica dall’esperienza di Giustizia e Libertà e poi del socialismo democratico tendente all’unità d’intenti con i comunisti, è dedicato il libro che sarà presentato martedì 3 maggio. Il volume (edizioni Tresogni), dal titolo Una scelta di libertà. Michele Tortora, l’antifascista, il partigiano, il Sindaco del CLN, sta a metà strada tra la memoria e la storia. La memoria affettuosissima eppur prudente dell’autrice, la nipote Barbara Tortora, e la storia di una città e di una provincia, Ferrara, che soprattutto per il secondo dopoguerra ha bisogno ancora di essere scavata ed indagata.

Il Museo del Risorgimento e della Resistenza, che ha inserito il volume nella nuova collana “Cantieri di ricerca”, coordinata da Delfina Tromboni, di cui costituisce il secondo titolo, conta di aver dato un contributo prezioso in questa direzione.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.