2 maggio 2011 - Ferrara, Economia & Lavoro, Politica

"Il Pd non ferma l'emorragia derivato"

Comunicato del consigliere di Ppf Valentino Tavolazzi

"Il derivato Dexia stipulato dal Comune ci è costato 1,2 milioni di euro nel 2010 e 528 mila euro nel primo semestre 2011, ai quali vanno sommati ulteriori 2-300 mila euro nel secondo semestre - scrive il consigliere comunale Valentino Tavolazzi -. L’operazione è l’ennesimo grave errore della maggioranza che governa la città, come da anni andiamo sostenendo".

"Finché non si interverrà - prosegue il comunicato -, il maldestro esercizio di finanza creativa costituirà una spada di Damocle sulla testa dei cittadini, costretti a pagare fino al 2019. Il Comune infatti si è già mangiato tutto l’anticipo e le entrate incassati negli anni precedenti (motivo vero per il quale aveva fatto l’operazione) ed al 30.6.11 registra una perdita complessiva di circa 400 mila euro".

"Nulla è cambiato con l’arrivo in giunta del giovane assessore al bilancio Marattin - è l'attacco -, nonostante la promessa di agire quanto prima, fatta in Consiglio comunale. Stiamo ancora attendendo che alle lezioncine seguano i fatti".

"Oggi, in consiglio comunale, Progetto per Ferrara presenterà l’ennesima risoluzione che impegni il sindaco e la giunta a chiudere immediatamente l’operazione. Si tratta della quarta proposta formale di Ppf. Le altre erano state: risoluzione del 28.9.09, alla quale hanno espresso il loro voto favorevole tutti i gruppi di opposizione; emendamento al bilancio preventivo 2010 del 4.2.10, bocciato dalla sola maggioranza; emendamento al bilancio preventivo 2011, del 23.3.11, bocciato dalla maggioranza e dal gruppo Prc/Pdci".

"E’ scandaloso - conclude il comunicato - che l’amministrazione comunale chieda sacrifici ai cittadini ed al tempo stesso non si muova per rimediare all’ennesimo grave errore, facendone pagare il prezzo ai ferraresi".

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.