15 aprile 2011 - Ferrara, Cultura e Spettacoli

Mostri in biblioteca

Consigli perché le parole non volino via

Chi sta divorando i documenti più preziosi, le opere che documentano la memoria collettiva? Come si può difendere un patrimonio tanto importante per la nostra identità culturale? Queste e altre riflessioni saranno il tema dell’incontro dal titolo “Mostri in biblioteca”, in programma martedì 19 aprile alle 17, nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea.

L’appuntamento, organizzato dalla stessa biblioteca comunale in collaborazione con il Museo civico di Storia naturale, tratta un argomento che, secondo i promotori e “come dimostrato anche dal recente Salone del Restauro, appassiona non solo gli addetti ai lavori, in grado di occuparsi con competenza della difesa dei nostri beni culturali, ma anche il semplice lettore che vuole mantenere al meglio i propri libri”.

Mirna Bonazza (responsabile Manoscritti e rari biblioteca Ariostea), Fausto Pesarini (direttore Museo di Storia naturale) e Franco Antolini (restauratore librario) parleranno di patologia della carta e restauro dei libri e spiegheranno come questi, oltre ad essere preziosi veicoli di storie, conoscenze, esperienze, avventure, arte, racchiudano anche in sé aspetti artigianali e tecnici legati ai materiali di cui sono costituite le loro pagine.

“La natura organica dei libri – spiegano ancora gli organizzatori - li rende facilmente attaccabili da “mostri” quali tarli, termiti o da muffe e polvere, rendendoli fragili. Ma c’è chi contrasta scientificamente gli effetti del biodeterioramento dei nostri amati libri e che è in grado anche di offrire consigli per difenderli al meglio”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.