2 febbraio 2011 - Ferrara, Economia & Lavoro

Oltre mezzo milione di euro alle imprese

Nel 2010, 803 aziende ferraresi hanno usufruito degli incentivi dell'ente camerale

Favorire l’internazionalizzazione e l'innovazione delle imprese per traghettare il comparto produttivo fuori dalle secche e per accrescerne la competitività sul mercato globale. Questa, in sintesi, la strada tracciata dalla Camera di Commercio di Ferrara che, in questi primi due mesi del 2011, mette a disposizione delle imprese ferraresi contributi per oltre mezzo milione di euro per finanziare specifici investimenti, in particolare nel campo dell’innovazione, dell’internazionalizzazione e della sicurezza aziendale. E lo fa supportando progetti trasversali rispetto ai settori economici, che assumono la forma di incentivazione in quanto concessi prima della realizzazione dell’investimento.
"Molto abbiamo fatto fino ad oggi per fronteggiare la crisi, ma - ha spiegato Carlo Alberto Roncarati, presidente della Camera di Commercio - in questa fase, oltre a voler garantire una continuità alla nostra azione di sostegno, abbiamo voluto mettere in campo, in collaborazione con le associazioni di categoria, misure sempre più adeguate, efficaci e rispondenti ai bisogni reali della nostre imprese, per poterle accompagnare sulla via della ripresa che piano piano inizia a manifestarsi. Si tratta di interventi - ha proseguito il presidente - che mirano a sostenere soprattutto chi scommette con fiducia e positività sul futuro e decide di investire per far crescere la propria azienda e migliorare la competitività sul mercato".
Tra le misure messe a punto dall’Ente di Largo Castello:
- innovazione, per diffondere, in particolare tra le imprese agricole, processi correlati ai temi ambientali ed energetici;
- internazionalizzazione, per la partecipazione alle più importanti fiere internazionali in Italia e all’estero;
- sicurezza, per l’installazione di attrezzature per video-sorveglianza, di impianti anti-taccheggio e di sistemi antifurto, in raccordo con il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presso la Prefettura di Ferrara.
Intanto, nel 2010, sono state 803 le imprese della provincia (delle quali il 26% localizzate nell’Alto ferrarese, il 55% nel Medio ferrarese ed 19% nel Basso ferrarese ed appartenenti ai settori dell’Industria 27%, dell’Artigianato 33%, del Commercio 10%, dei Servizi 13%, del Turismo 12%, dell’Agricoltura 4% e dei Trasporti 1%) che hanno usufruito degli incentivi della Camera di Commercio.
Martedì prossimo, all’ordine del giorno della Giunta camerale, anche l’ipotesi di rifinanziamento del bando straordinario a sostegno dell’occupazione giovanile (oltre ai 125.000 euro già stanziati servirebbero altri 187.574 euro, per un numero totale di ben 87 giovani assunti a tempo determinato), letteralmente preso d’assalto dalle imprese ferraresi che, raccogliendo l’invito della Camera di Commercio, hanno deciso di investire sui giovani, di chiamarli a fare la propria parte e dare loro adeguate opportunità. “Proprio in virtù di questa risposta così pronta – ha concluso Roncarati – la Giunta valuterà ogni possibile soluzione al fine di poter rifinanziare l’intervento e di rispondere, così, positivamente alle esigenze di molti imprenditori ferraresi”.
Per qualsiasi informazione, è possibile rivolgersi all’ufficio Marketing del territorio, innovazione e qualità della Camera di Commercio (tel. 0532/783.813-820) o consultare il sito www.fe.camcom.it.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi