4 gennaio 2011 - Ferrara, Economia & Lavoro

Costituito l'Istituto Tecnico di Istruzione Superiore

Aprira' all'Aleotti di Ferrara con corsi biennali e post diploma in tecnologie dell'abitare

Si e' costituito a tempo di record l’Istituto Tecnico di Istruzione Superiore (Its) di Ferrara, che si inserisce nella rete regionale di scuole post diploma altamente specializzate, per la formazione di figure tecniche particolarmente qualificate e richieste dalle imprese. L’input è partito dalla conferenza regionale dei servizi lo scorso 13 dicembre e la fondazione di diritto privato che dà forma giuridica compiuta all’Its di Ferrara ha tagliato il traguardo il 28 dicembre 2010.

Per questo obiettivo hanno lavorato sodo la Regione Emilia-Romagna, in testa l’assessore a Scuola e Formazione Patrizio Bianchi, la Provincia (la presidente Marcella Zappaterra e l’assessore alla Formazione professionale Caterina Ferri) e, ancora, i vari partner che oggi costituiscono la giunta esecutiva: Fondazione geometri, Comune di Ferrara, Euspe, Università e Istituto tecnico per geometri Aleotti di Ferrara. L’Istituto svolgerà corsi post diploma, cui possono iscriversi diplomati non solo ferraresi, della durata biennale sui temi delle tecnologie delle abitazioni, delle costruzioni e dei materiali e avrà sede all’Istituto Aleotti.

“Un ambito tematico di alta specializzazione che si inserisce – ha detto l’assessore regionale Patrizio Bianchi – in una tradizione professionale consolidata, in un contesto locale nel quale operano con successo le facoltà universitarie di Ingegneria e di Architettura, oltre alla storica presenza dell’Istituto secondario Aleotti e ad una serie di imprese che tradizionalmente operano nel settore”. L’Its di Ferrara incrocerà i destini dello stesso Tecnopolo ferrarese sui medesimi ambiti tematici “e rappresenterà una concreta opportunità – è stato il commento della presidente della Provincia Marcella Zappaterra – per nuovi sviluppi di conoscenze, imprenditoriali ed occupazionali per il territorio”.

L’investimento iniziale per partire si aggira sui 240 e i 250mila euro e l’avvenuta costituzione della fondazione entro la fine del 2010 ha consentito di inserire l’iniziativa nelle richieste ammissibili a finanziamenti statali per la prima tranche, scaduta il 31 dicembre, e per quella degli anni 2011 – 2013. “E' presto ancora – ha precisato il dirigente scolastico dell’Istituto per geometri Fabio Muzi – per stabilire le docenze, anche perché siamo tuttora in attesa dal Ministero per la definizione dei profili e delle qualifiche professionali equiparabili a livello europeo, ma si sa già che almeno il 30% sul monte ore di formazione, che sarà di 1.800 – 2.000 ore, si dovrà svolgere all’interno delle aziende. In ogni caso – ha proseguito il dirigente – il profilo finale dovrà essere adeguato anche per l’accesso alla professione di geometra; da qui il legame stretto della fondazione con la fondazione geometri”.

Se a Ferrara è toccato l’ambito tematico delle costruzioni e dei materiali, a Bologna, Modena e Reggio l’Its si occuperà di meccanica, automazione industriale e meccatronica, a Forlì-Cesena si svilupperanno le conoscenze specialistiche attorno al mondo della comunicazione, Parma consoliderà il proprio bagaglio conoscitivo nell’agroalimentare, Piacenza si occuperà di logistica e Ravenna di ambiente ed energia. “Abbiamo l’ambizione di allargare le partnership ad imprese anche regionali – ha puntualizzato l’assessore provinciale Caterina Ferri – per fare dell’Its di Ferrara un perno del settore a livello regionale, oltre a rappresentare un’ulteriore opportunità per facilitare il trasferimento tecnologico alle imprese e per la creazione di nuove figure professionali ed imprenditoriali nel nostro territorio, oltre a nuove occasioni di occupazione. Speriamo che il Ministero ci risponda presto – ha chiuso – perché ci sono già offerte di iscrizione”. “Partiamo dalla formazione – ha concluso il vicesindaco di Ferrara Massimo Maisto – per creare nuova e buona occupazione. Abbiamo approvato in tempi record la delibera e in questo va reso un ringraziamento al Consiglio comunale, per avere capito e condiviso l’importanza dell’iniziativa”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.