27 dicembre 2010 - Ferrara, Cronaca

La piena del Po defluisce regolarmente

La Protezione Civile sta seguendo l'andamento del grande fiume a Pontelagoscuro

A partire dal 23 dicembre si sono susseguiti diversi stati di allerta di protezione civile collegati all'innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d'acqua principali che attraversano il territorio ferrarese, causati dalle precipitazioni piovose e dallo scioglimento della neve caduta nelle zone appenniniche. In particolare, giovedì 23 dicembre scorso alle 19 la situazione è entrata in fase di preallarme per il fiume Reno e la stessa cosa è successa per il Panaro dalle 11 di venerdì 24 dicembre, mentre meno preoccupante è stata giudicata quella del fiume Po che non ha oltrepassato la soglia di semplice attenzione.

La Protezione civile della Provincia di Ferrara ha tenuto costanti contatti con i Comuni e con Aipo, senza bisogno di allertare i volontari. Tutti i tecnici della Provincia si sono tenuti costantemente informati sull'evoluzione degli eventi meteo e sulla situazione del Po, pronti ad intervenire qualora ve ne fosse stata necessità (sopratutto per la viabilità e la protezione civile).

Nel frattempo, l’ondata di piena del Po è praticamente giunta a Pontelagoscuro, con livelli contenuti pari a 0,88 metri. Livello che non dovrebbe salire ulteriormente e quindi non si dovrebbe raggiungere il livello di preallarme fissato a più 1,30 metri sopra lo zero idrometrico. L’ondata sta defluendo in modo regolare, arriverà a mare probabilmente fra le giornate di martedì 21 e mercoledì 22 dicembre e non sono in previsione maree particolarmente elevate.

Una situazione complessiva che non desta particolare preoccupazione se l'Aipo non ha ritenuto di attivare il servizio di piena, anche se rimangono monitorate le arginature, che al momento non presentano criticità. La mareggiata degli scorsi giorni, va aggiunto, ha provocato ingenti danni anche al Pontile di Volano, rimanendo danneggiato tutto il camminamento a terra, il piano di calpestio del pontile, l'impianto elettrico e parte della struttura portante. Dopo avere effettuato un sopralluogo, i tecnici della Provincia sono ora al lavoro per quantificare i danni complessivamente occorsi. Al fine di garantire la sicurezza, l’amministrazione che ha sede in Castello Estense ha provveduto ad interdire l'accesso alla struttura.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.