2 novembre 2010 - Ferrara, Cronaca

Allerta per il fiume Po

Fase di attenzione per la Protezione Civile dopo le piogge degli ultimi giorni

La Protezione Civile Regionale ha emesso in queste ore una nuova allerta con l'Attivazione della 'Fase di Attenzione' in merito alle precipitazioni verificatesi sul bacino del fiume Po che hanno determinato l'innalzamento dei livelli idrometrici.

Inizio validità: martedì, 2 novembre 2010 alle ore 10 per una durata di 72 ore (fino a venerdì 5 novembre 2010 alle ore 10) Nel nostro territorio queste le aree interessate: FIUME PO FE - Comuni di: BERRA (FE); BONDENO (FE); FERRARA (FE); MESOLA (FE); RO (FE); GORO (FE).

Domenica 31 ottobre è stata emessa la prima allerta di protezione civile relativa all’attivazione della fase di attenzione per piogge ed innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua principali nel territorio provinciale. Alla mezzanotte di lunedì primo novembre è scattata la fase di preallarme per la piena del fiume Reno, a seguito del sommarsi di due colmi di piena. Grande attenzione è stata posta alla sezione di Cento, primo punto nevralgico del territorio ferrarese nel quale si è raggiunto il livello di + 7,41 metri alle 8 di questa mattina, livello molto inferiore rispetto al valore storico di + 8,42 raggiunto nella piena del 25 dicembre 2009.

La Provincia sta seguendo costantemente l’andamento della piena mantenendo contatti continui con il Comune di Cento, il sevizio tecnico di bacino del fiume Reno e l’Agenzia regionale di protezione civile. A fini puramente precauzionali è stata portata dai volontari una torre faro a Cento per un eventuale controllo del passaggio della piena in corrispondenza del Ponte Vecchio. Martedì 2 novembre dalle ore 7 è scattata la fase di preallarme per la piena del fiume Panaro, che tuttora sta interessando il territorio del comune di Bondeno, senza comunque raggiungere livelli preoccupanti per le abitazioni in golena in località Santa Bianca. Anche in questo caso i valori idrometrici alla sezione di riferimento di Bomporto nel modenese (colmo raggiunto pari a + 10,77 metri), sono inferiori rispetto a quelli raggiunti nella piena del dicembre dell’anno scorso (+ 11,54).

Uno scambio costante di informazioni è in corso tra gli enti locali (Provincia e Comune) per il monitoraggio del deflusso della piena, soprattutto alla luce della nuova allerta di protezione civile emessa dall’Agenzia regionale per l’attivazione della fase di attenzione della piena del fiume Po, con inizio dalle ore 10 del 2 novembre. Si prevede che il colmo di piena possa interessare nella serata odierna Piacenza e superare i livelli di attenzione anche nei tratti a valle dell’intera asta. La collaborazione ed il coordinamento tra tutti gli enti coinvolti restano continui per lo svolgimento delle attività di monitoraggio e controllo degli eventi, che sono proprie del sistema di protezione civile.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.