3 settembre 2010 - Ferrara, Cronaca

Violenza sessuale, anzi no

Una giovane lucciola chiama la polizia dopo essersi appartata con un cliente

Chiama la polizia sostenendo di aver subìto una violenza sessuale, poi ritratta e scappa lasciando tutti di stucco. L'episodio è avvenuto ieri sera alle 22.10 nel piazzale della stazione sul lato del bar Fiorella, dove una giovane prostituta italiana di 22 anni si era appartata con un cliente, un 37enne rumeno, dal quale - ha dichiarato in un primo momento - sarebbe stata violentata. Dopo la chiamata della giovane al 113 sul posto sono giunti gli agenti della Polfer e delle Volanti che, in breve tempo, hanno rintracciato il rumeno nella zona. Questi, regolare e senza precedenti, ha riferito di aver pagato regolarmente la 'prestazione' e di essere poi stato aggredito da alcuni italiani intervenuti in difesa della ragazza dopo aver sentito le sue grida, dovute all'insorgere di una semplice lite fra i due.

Interrogata dai poliziotti la 22enne ha successivamente ammesso di non aver subìto violenze sessuali e di non voler sporgere denuncia per l'aggressione comunque subìta durante il litigio. Poi, mentre gli agenti esperivano i normali accertamenti, ne ha approfittato per dileguarsi facendo perdere le sue tracce.

Dev’essere più o meno quello che si sono sentiti dire ieri notte gli agenti della Polizia Ferroviaria e delle Volanti da una 22enne prostituta italiana che aveva chiamato le forze dell’ordine sostenendo di essere stata violentata da un cliente, un rumeno di 37 anni con il quale si era appartata. L’episodio è avvenuto alle 22.10 nel piazzale della stazione, sul lato del bar Fiorella. Dopo la chiamata i poliziotti della Polfer sono intervenuti immediatamente sul posto e, successivamente, sono giunti in supporto anche gli agenti delle Volanti. In seguito ad una breve perlustrazione della zona il rumeno (che si è poi accertato essere in regola e senza precedenti) è stato rintracciato, ma agli uomini in divisa ha raccontato una storia diversa: secondo la sua versione, infatti, alcuni italiani lo avrebbero percosso intervenendo in difesa della giovane, allertati dalle grida della ragazza. Il 37enne cliente ha sostenuto di aver pagato regolarmente la ‘prestazione’ e dichiarato di non voler sporgere denuncia nei confronti dei suoi aggressori, dai quali avrebbe ricevuto un pugno. Nel frattempo anche un’ambulanza si è recata in stazione per prestare le cure alla giovane aggredita che, interrogata dagli agenti, ha quindi ammesso di non aver subìto alcuna violenza sessuale, ma di aver semplicemente litigato con il cliente e di non avere intenzione di denunciarlo. Poi, mentre i poliziotti stavano procedendo agli accertamenti di rito, la 22enne ne ha approfittato per darsela a gambe e dileguarsi, lasciando tutti con un palmo di naso.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.