30 luglio 2010 - Ferrara, Cultura e Spettacoli

Draquila, l'Italia tremerà al Pareschi

Domenica sera all'arena estiva il docu-film firmato Sabina Guzzanti

Per il quinto anno consecutivo, la cornice dello splendido Parco Pareschi, è diventato un cinema sotto le stelle, e tale sarà fino al 29 agosto, proponendo i migliori film della stagione.
E domenica sera, 1° agosto, per gli appassionati di attualità e politica, proporrà il discusso “Draquila – L’Italia che trema”, firmato dalla poliedrica Sabina Guzzanti. L’inizio della proiezione è fissato per le 21.30.

Una tragedia utilizzata per trasformare una città da 70 mila abitanti in un laboratorio. A L'Aquila, dove il terremoto della notte del 6 Aprile 2009 ha causato 308 vittime e l'evacuazione forzata, Sabina Guzzanti ha intervistato con obiettività abitanti, istituzioni e tecnici, mentre il suo punto di vista è poi emerso nel costante ricorso alla voce fuori campo, nell'analisi della gestione della catastrofe, nei satirici intermezzi d'animazione pop, nei siparietti comici, nei filoni d'inchiesta. La regista scopre, mette insieme elementi, evidenzia, pone domande, fa ipotesi sull'ignorato allarme da sciame sismico di 4 mesi prima, sugli scandali, sul piano case annunciato 4 giorni dopo le scosse, su un G8 da 185 milioni di euro con abnormi voci di spesa per accessori, sulle nuove costruzioni in luoghi vietati e intorno a centri commerciali.

Biglietto intero: 6 euro, ridotto: 4 euro. La riduzione è valida per i soci Arci, gli studenti e i dipendenti dell'Università degli Studi di Ferrara. In caso di maltempo la proiezione si terrà presso la Sala Boldini (via Previati, 18). Abbonamenti 10 ingressi – 50€ Abbonamenti 10 ingressi soci Arci – 30€

Informazioni: www.arciferrara.org, t. 0532.241419 / Sala Boldini t. 0532.247050 / Parco Pareschi 320.3570689

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.