2 luglio 2010 - Ferrara, Cronaca, Economia & Lavoro

Trovata una soluzione per i lavoratori Enaip

Risolto il nodo occupazione dopo la crisi dell'ente di formazione professionale

Nei giorni scorsi si è svolto a Bologna, nella sede dell’assessorato alla Formazione professionale e lavoro della Regione Emilia Romagna, il tavolo trilaterale per la trattazione della crisi Enaip Ferrara, l’ente di formazione professionale messo in liquidazione dalla proprietà con il licenziamento di 10 lavoratori (il direttore nei mesi scorsi, gli altri a partire da fine giugno). Il lavoro di mediazione condotto da Regione e Provincia, con l’intervento delle organizzazioni sindacali di categoria della Cisl e della Cgil e di alcuni enti accreditati del sistema formativo regionale (il sistema Aeca, Ial Emilia Romagna e la rete degli altri enti Enaip), ha portato al raggiungimento di due obiettivi prioritari: l’offerta formativa e il posto di lavoro del personale espulso.

E’ stata infatti assicurata alle famiglie ferraresi la persistenza del percorso di formazione professionale di “addetto alle vendite” per ragazzi in età di obbligo formativo (16-18 anni), precedentemente svolto da Enaip e ora attivo dall’autunno scorso presso “la Città del Ragazzo”, mediante una procedura ad evidenza pubblica gestita dalla Provincia. “Il lavoro di squadra tra istituzioni, enti e sindacati – commenta l’assessore provinciale alla Formazione professionale Caterina Ferri - ha permesso di trovare un'adeguata collocazione per dieci lavoratori presso altri enti formativi, mentre un’operatrice resta tuttora in servizio presso l’ente in liquidazione, per supportarne le procedure e per garantire la continuità delle attività per i ragazzi del nostro territorio”.

La soluzione per i dieci dipendenti è infatti stata trovata presso la Città del Ragazzo-Opera don Calabria di Ferrara e la Fondazione S. Giuseppe di Cesta di Copparo, del sistema Aeca, lo Ial Emilia Romagna, in particolare presso la sede di Ferrara, nonché gli enti Enaip di Parma, Rimini e Forlì-Cesena.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi

Le notizie più lette degli ultimi tre anni