24 giugno 2010 - Ferrara, Cronaca

Maisto: "Sulla cultura obiettivi condivisi"

L'amministrazione apre un dialogo con il mondo della cultura ferrarese

Ieri in Sala del Consiglio si è svolto il primo incontro pubblico dal tema “Quale cultura della città? Presentazione degli obiettivi e delle strategie del Comune di Ferrara”.
Un incontro voluto dal sindaco Tiziano Tagliani e dall’assessore alla cultura Massimo Maisto, per presentare e condividere con i rappresentanti del mondo associativo, operatori e appassionati del mondo della cultura ferrarese, gli obiettivi di mandato sulla cultura.
“Resistenza culturale condivisa”: è quella che occorre avviare secondo il sindaco Tiziano Tagliani, come risposta alla manovra del governo “che prevede – ha spiegato Tagliani – tagli draconiani agli enti locali”. “Fare scelte – ha detto il sindaco - diventa sempre più difficile: per questo la nostra sfida è condividere e decidere con il mondo delle associazioni che tipo di spazio destinare alla cultura”.
L’amministrazione estense ha quindi inaugurato una metodologia di concertazione politica, che è stata molto apprezzata dal pubblico presente, che ha chiesto per il futuro di organizzare tavoli tematici.
Il primo obiettivo del mandato di Maisto è quindi fare “cultura diffusa”, dai musei alle biblioteche. Al centro di ogni proposta deve esserci la scuola ha sostenuto il vicesindaco. Sussidiarietà è il principio da avere sempre presente nella programmazione delle attività, che non deve essere pensata per servizio ma per area di interesse per promuovere una maggiore collaborazione tra soggetti. Fare cultura significa tutelare e valorizzazione la memoria storica, cultura significa coesione sociale e identità della comunità.
Un’altra priorità è “valorizzare il contemporaneo ed incentivare la creatività giovanile, senza però dimenticare l’importanza dell’educazione degli adulti”. Occorre puntare sulla cultura scientifica, ha aggiunto Maisto.
In conclusione, l’assessore ha annunciato le tre sfide del suo mandato: “Qualità delle proposte, sostenibilità dell’offerta e convivenza tra cittadini”: in particolare, ha detto occorre “evitare lo scontro generazionale”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi

Le notizie più lette degli ultimi tre anni