10 febbraio 2020 - Ferrara, Eventi

I paesaggi dei film di Pupi Avati protagonisti della XV rassegna 'Giardini al cinema'

Martedì alla Biblioteca Ariostea la presentazione a cura di Carlo Magri e Giovanna Mattioli

Sarà dedicata allo speciale rapporto tra il regista Pupi Avati e il paesaggio ferrarese la XV edizione della rassegna "Giardini al cinema", a cura del Garden Club di Ferrara, che sarà presentata martedì 11 febbraio 2020 alle 16.30 nel corso di una conferenza di Carlo Magri e Giovanna Mattioli nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via delle Scienze 17, Ferrara).

Uno dei grandi maestri del cinema italiano, Pupi Avati, trova nei paesaggi padani le atmosfere suggestive, spesso anche inquietanti, protagoniste di molti dei suoi film.
Carlo Magri, regista e docente di Unife, presenterà spezzoni inediti di interviste - degli anni '80 e '90 - che hanno come tema il rapporto speciale di Avati con Ferrara, il Delta e la sua gente. Giovanna Mattioli, architetto paesaggista, curatrice storica di "Giardini al Cinema", alla XV edizione, sottolinerà invece la centralità dei luoghi e del paesaggio nei tre film proposti quest'anno (Una gita scolastica, La casa dalle finestre che ridono, Le strelle nel fosso).
Le proiezioni si svolgeranno al Cinema Boldini secondo il calendario che sarà diffuso in occasione della conferenza di domani alla Biblioteca Ariostea.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.