17 gennaio 2020 - Ferrara, Cronaca, Politica

Un posto di lavoro per le dimissioni dal consiglio comunale

In un audio la proposta del vicecapogruppo leghista Solaroli. Sindaco e Vice: “all’oscuro della vicenda”

L’inchiesta di “Piazzapulita”

Un’offerta di lavoro a tempo indeterminato come dipendente comunale. Parte da qui la vicenda che in queste ore sta coinvolgendo il Comune di Ferrara: il vicecapogruppo della Lega in Consiglio comunale, Stefano Solaroli, avrebbe infatti offerto un posto a tempo indeterminato ad Anna Ferraresi, al tempo della vicenda consigliera comunale e ora nel Gruppo misto dopo aver lasciato la Lega.

L’offerta di lavoro sarebbe stata fatta alla consigliera perché si dimettesse dal gruppo consiliare (le cariche sarebbero infatti state incompatibili), perché entrata in conflitto con i vertici del partito che la considerano “una piantagrane da rimettere in riga” per le sue continue denunce sul degrado in città.

La conversazione in cui Solaroli propone ad Anna Ferraresi tale offerta di lavoro è stata svelata da un’inchiesta di Piazzapulita su La7. La conversazione, registrata di nascosto dalla ex consigliera, risale al 19 novembre 2019. Nell’audio si sente Solaroli dire a Ferraresi di accettare l‘assunzione a tempo indeterminato presso il Comune di Ferrara a 1400 euro al mese. Il posto in questione era un lavoro da hostess nel nuovo servizio turistico realizzato in città con trenini e autobus (gestito però da una società privata).  Solaroli dice: “A me sei venuta in mente te prima di tutto perché sei una rompicazzo, così ti cavo dai coglioni e non ti vedo più. Tu sai che è incompatibile con il ruolo da consigliere. Nicola (Lodi) è d’accordo, ne ho parlato con Alan (Fabbri) e mi ha detto: se a lei va bene a me va bene”

Il servizio di La7 

Nella diretta su La7 di ieri sera a “Piazzapulita”, condotta da Corrado Formigli, è stato chiesto al Sindaco di Ferrara in merito alla vicenda. Alan Fabbri ha fatto sapere di non poter essere presenta alla diretta, affidando così le sue parole ad un comunicato:

"Sto verificando l’accaduto, in quanto non sono minimamente a conoscenza dei dialoghi personali avvenuti tra i due consiglieri. Solo quando la vicenda sarà più chiara prenderò le dovute decisioni in merito ed assumerò eventuali provvedimenti. Nel frattempo mi riservo. in ogni caso, di querelare chiunque abbia intenzione di infangare il buon nome della nostra amministrazione, che è trasparente e meritocratica e che così continuerà ad essere. Si tratta di una vicenda certamente deprecabile, ma che mi vede totalmente estraneo e che rimane ancora tutta da verificare".    

Durante la diretta, l’inviato a Ferrara, Alessio Lasta, incontra il Vice Sindaco di Ferrara Nicola Lodi. Naomo afferma di non essere stato a conoscenza della proposta che Solaroli ha rivolto alla Ferraresi e che non esiste nessun tipo di rapporto fra l’Amministrazione e l’azienda che gestisce i trenini turistici. Il Comune non avrebbe potuto, a livello di assunzioni, pesare qualcosa all’interno dell’azienda privata; fatto confermato anche dalla stessa società privata nel corso della trasmissione di ieri sera.

Lodi continua aggiungendo: “Ringrazio la Ferraresi per essersi dimessa dal partito ed essersene andata: abbiamo sbagliato a candidarla, lei non era davvero leghista”.

“Se voi siete completamente all’oscuro di quello che faceva Solaroli ne chiederete le dimissioni o avete intenzione di espellerlo dalla Lega?”, viene chiesto al vice sindaco in conclusione del servizio.

“Prima vogliamo verificare i fatti, - è la risposta di Lodi - parlando con Solaroli e la Ferraresi della conversazione privata che hanno avuto, poi domani sera faremo sapere quello che succederà nei prossimi giorni”, conclude il vice sindaco.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.