13 gennaio 2020 - Ferrara, Politica

Un aperitivo per la presentazione della candidatura di Giorgio Ferroni

Candidato al Consiglio Regionale per la lista “Borgonzoni Presidente”

Oltre cento persone hanno preso parte, presso la Sala Borsa di Ferrara, alla presentazione della candidatura di Giorgio Ferroni al Consiglio Regionale per la lista “Borgonzoni Presidente”.

Tanti i punti trattati da Ferroni, partendo dalla motivazione della sua candidatura: “Sono un civico e rivendico questa identità. Ho scelto una parte, quella di Lucia Borgonzoni, perché ritengo che solo con una coalizione che rappresenta la discontinuità sia possibile realizzare un cambio di marcia indispensabile per far crescere la nostra provincia, rimasta incomprensibilmente il fanalino di coda della Regione”.

Non sono mancati i temi del programma elettorale condiviso con Lucia Borgonzoni, dalla sanità, dove risultano successivi i tagli agli ospedali decentrati e in particolare dei punti nascite, alla partecipazione sociale, rinnovando l’impegno a favore di famiglie e disabili e infrastrutture, una delle chiavi per dare impulso al territorio, anche e soprattutto a livello imprenditoriale. La nota finale è stata riservata alla cultura: “La cultura non ha colore – ha precisato Ferroni – Ferrara, intesa come città e provincia, non può prescindere da questo fattore per creare nuovi posti di lavoro ed evitare che i nostri giovani se ne vadano altrove”.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.