21 giugno 2010 - Ferrara, Cronaca

Archivio storico, esposti i documenti d’epoca pontificia

La mostra sarà visitabile a palazzo Paradiso fino al 2 ottobre

Sarà inaugurata domani, 22 giugno alle 17, la mostra “L’Archivio di Ferrara e il Polo delle Carte - I documenti d’epoca pontificia nel riunito archivio storico”, organizzata dal servizio biblioteche e archivio storico e curata da Mirna Bonazza e Gianpiero Nasci.
L’esposizione documentaria sarà allestita nella sala Ariosto di palazzo Paradiso della Biblioteca comunale Ariostea, via Scienze 17, e sarà visitabile dal 22 giugno al 2 ottobre negli orari di apertura della biblioteca (lunedì-venerdì 9-19, sabato 9-13).
La mostra ha l’obiettivo di valorizzare i documenti del Fondo Comunale recuperato nel periodo in cui Ferrara era tornata, a seguito della Convenzione faentina del 12 gennaio 1598, allo Stato Pontificio. Si tratta di trentuno esemplari fra codici, materiale documentario manoscritto e a stampa, mappe, disegni, incisioni, di particolare interesse sotto il profilo contenutistico, che coprono un arco cronologico cha va dal XVI al XVIII secolo.
L’inaugurazione della mostra documentaria sarà preceduta da una cerimonia di presentazione che si aprirà con i saluti del vicesindaco di Ferrara Massimo Maisto, della soprintendente ai Beni Librari e Documentari della Regione Emilia Romagna Rosaria Campioni e del soprintendente archivistico per l’Emilia Romagna Stefano Vitali.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.