2 dicembre 2019 - Ferrara, Cronaca

Piazza Verdi: un Tavolo allargato con gli studenti per una soluzione condivisa

Sindaco e Vicesindaco incontrano gli universitari

Convocato per inizio 2020 un tavolo per decidere sulla questione della movida in Piazza Verdi, dopo le varie polemiche e proposte male accolte, come ad esempio chiuderla con dei muri. Al tavolo si siederanno tutti i protagonisti che, in prima persona persona, sono coinvolti nella vicenda, compresi i rappresentanti degli studenti.

La notizia arriva come risultato dell’incontro che oggi si è tenuto in Comune tra il Sindaco di Ferrara, il vicesindaco e assessore alla Sicurezza, Nicola Lodi e una delegazione dell’Unione degli Universitari Udu.

”I rappresentanti delle associazioni studentesche hanno chiesto di essere coinvolti nella soluzione di questa situazione complessa e abbiamo deciso di istituire un tavolo allargato per mettere d’accordo tutte le parti coinvolte nella vicenda: oltre all’amministrazione saranno presenti le associazioni di categoria, i rappresentanti dei residenti e dei commercianti, le forze dell’ordine e, questa è la novità, anche i rappresentanti di tutte le sigle universitarie”, hanno raccontato Fabbri e Lodi “e si tratterà di istituire una serie di incontri durante i quali verranno affrontati tutti gli aspetti critici, condividendo tutti i punti di vista e le diverse esigenze per trovare un accordo comune”. 

La delegazione degli studenti Udu si dice “dell'idea che, se tutti abbiamo a cuore Ferrara città universitaria, è importante l'istituzione di questo tavolo per poter prendere una decisione includendo tutte le parti al fine di evitare, per quanto più possibile, soluzioni drastiche”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.