18 novembre 2019 - Ferrara, Cronaca

Straripano Idice e Diversivo: la provincia di Ferrara stretta nella morsa

Nuova allerta rossa per la giornata di domani

Negli ultimi giorni la provincia ferrarese e la Regione Emilia-Romagna ha subito le conseguenze del maltempo, con le piene dei fiumi e dei corsi d'acqua, danni alle strade e mareggiate lungo la costa. Fra le conseguenze delle condizioni climatiche della scorsa settimana vi è la rottura di una parte di argine del canale Diversivo di Burana, a Canaletto di Finale (FInale Emilia): le acque tracimate dalla falla hanno invaso le campagne circostanti arrivando a lambire i terreni di Scortichino e Gavello.

Alle 7.00 di questa mattina i tecnici hanno dato l'allarme dopo aver individuato una falla nel Diversivo di Burana in località Canaletto di Finale Emilia, facendo così partire la macchina delle emergenze.

 

Il Presidente del Consorzio Burana, Francesco Vincenzi, ha spiegato l’antefatto: “I tecnici del Burana, al lavoro su turni ininterrottamente da giovedì scorso per fronteggiare il maltempo e le piene di questi giorni si sono accorti praticamente in tempo reale della rottura di un tratto dell’argine del Canale Diversivo di Burana, uno dei vettori irrigui e di scolo più importanti del nostro territorio. La macchina delle emergenze è stata dunque messa in moto tempestivamente: sono stati allertati tutti gli organi competenti e alle 10.30 si erano già portati i primi mezzi in loco per la riparazione della falla, operazione tutt’altro che facile considerato che l’argine è stretto e indebolito dalle piogge”.

Il cedimento ha interessato l’argine in sinistra del Canale Diversivo di Burana in località Canaletto a nord di Massa Finalese riversando la massa d’acqua sui terreni circostanti in direzione di via Fruttarola. Immediate le manovre idrauliche messe in atto dal Consorzio Burana per ridurre il più possibile la quota di acqua presente nel Diversivo: a monte si è proceduto effettuando tutte le manovre per alleggerire il flusso verso il punto di rottura e a valle, nella zona di Bondeno, dove sono presenti gli impianti del Burana, si è continuato ininterrottamente con i pompaggi delle idrovore per incrementare la capacità di scolo. Sono state inoltre installate pompe preventive per alleggerire la portata a Finale Emilia, essendo previste precipitazioni almeno fino a giovedì.

La mattinata di oggi, 18 novembre, è stata interamente dedicata al rinforzo della stabilità arginale per il passaggio dei mezzi in transito, mentre il pomeriggio le operazioni sono continuate con le manovre di posizionamento di massi e terra atti alla chiusura della falla.

Vincenzi ha aggiunto: “Le operazioni proseguiranno ad oltranza e il più velocemente possibile. Dalle prime verifiche ipotizziamo che il danno sia causato da animali fossori, confermando la necessità di mettere in atto tutte le azioni possibili per limitare la presenza di questi animali, in particolare a ridosso dei corsi d’acqua. Questo evento, inoltre, conferma l’importanza di proseguire nella strada intrapresa di forti investimenti sul territorio, in aggiunta alla manutenzione ordinaria. Al momento, comunque, la priorità è quella di chiudere la falla, ci sarà tempo per una riflessione più approfondita su cause e prevenzione futura”.

 

Nel frattempo, in queste ore la Protezione Civile ha diramato l'allerta rossa in Emilia-Romagna per la giornata di domani, martedì 19 novembre. 

Dal tardo pomeriggio/sera di oggi, lunedì 18 novembre, sono infatti previste precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Liguria e Piemonte, in estensione, fra le altre regioni, anche all'Emilia-Romagna. E, sulla base dei fenomeni previsti e in atto, è stata valutata per la giornata di domani, martedì 19 novembre, allerta rossa sul settore orientale dell’Emilia-Romagna.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.