13 novembre 2019 - Ferrara, Cronaca

Accoglienza migranti: indagine del personale in carico Asp

L'Assessore alle politiche sociali Coletti: "Conseguenza delle politiche Pd"

Sull'indagine in corso nei confronti del personale in carico a Asp per quel che riguarda l'accoglienza migranti, l'assessore alle Politiche Sociali Cristina Coletti ha commentato: "Ecco un'altra delle nefaste conseguenze delle politiche scellerate sull'accoglienza del Pd che Ferrara non meritava. La nostra amministrazione, come ovvio, non era al corrente di nulla e provvederemo quanto prima a mettere in sicurezza i servizi".

"Davanti all'emergere di ipotesi gravi come quelle che paiono delinearsi e che coinvolgerebbero direttamente dipendenti di Asp impegnati nella gestione delle strutture di accoglienza utilizzate per i richiedenti asilo, non possiamo che assumere una posizione ferma a garanzia dell'azienda e del funzionamento del servizio", ha continuato l'Assessore.
Il rapporto tra Prefettura e ASP era sancito da una convenzione con scadenza annuale siglata dalla precedente amministrazione che, prevedeva la mediazione dell'ente nell'individuazione e nella gestione delle strutture in particolare per quanto riguarda i rapporti con i proprietari privati che mettevano a disposizione gli immobili. La convenzione, appunto scaduta, non è stata rinnovata e con l'avvio e l'aggiudicazione dei nuovi bandi la Prefettura sta assumendo progressivamente la gestione diretta dell'accoglienza.

"Il rapporto tra Asp e Prefettura nella gestione dell'accoglienza - spiega ancora Coletti - è dunque in dismissione. Purtroppo, però, nonostante i referenti dell'Azienda fossero a conoscenza delle indagini in corso già dallo scorso 18 ottobre, l'amministrazione comunale non è stata tempestivamente informata della situazione, fatto che aggrava la posizione di parte offesa che riguarda il Comune che, insieme agli altri Comuni soci, ha nominato soltanto una settimana fa il nuovo amministratore unico, che ora dovrà farsi carico della situazione".

"Per sgombrare il campo da ogni dubbio abbiamo concordato con il nuovo Amministratore Unico dell'Azienda, Mario Angiolillo, di dare mandato a un legale per verificare l'attuale situazione in carico ad ogni singolo attore coinvolto e di avviare le procedure per la sospensione cautelativa dalle mansioni ricoperte e dal lavoro per tutte le figure interessate", spiega ancora Coletti.
L'assessorato ha, inoltre, deciso di annullare la premiazione che doveva avvenire il prossimo 14 novembre in occasione del Patto per Ferrara, considerato che tra le cooperative premiate figura anche la cooperativa sociale Vivere Qui : "Proprio a questa cooperativa che risulta tra quelle ancora oggetto di indagine la precedente amministrazione aveva deciso di conferire il premio Cittadinanza Sociale d'impresa del valore di 2000 euro", conclude l'assessore.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.