3 novembre 2019 - Ferrara, Cronaca

Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armata a Bondeno

Bergamini: "Ribadire il valore di uomini e donne impiegati nelle missioni di pace"

BONDENO - «Non smettiamo mai di ribadire il valore dei nostri militari, impegnati in missioni di pace sugli scenari di tutto il pianeta, allo scopo di difendere le popolazioni civili». Il sindaco Fabio Bergamini ha celebrato così, con un giorno d’anticipo rispetto al calendario, la Giornata dell’Unità nazionale e delle Forze Armate. Un evento che cade nel 101° anniversario dalle fine della Prima Guerra Mondiale, un anno dopo il corposo cerimoniale del centenario. «La giornata che, per ragioni di calendario celebriamo nella prima festa utile, vale a dire oggi, è l’occasione di riaffermare con decisione alcuni concetti fondamentali – ha detto Fabio Bergamini nell’atrio del municipio, subito dopo avere deposto le corone d’alloro davanti ai monumenti ai Caduti –. Non è anacronistico, infatti, parlare di Forze Armate. In un periodo storico in cui appare scarsamente popolare e (per qualche benpensante) quasi politicamente scorretto citare i nostri preziosi militari. Uomini e donne che difendono l’onore del Paese in una pluralità di scenari mondiali. Attraverso le numerose missioni di pace, che servono a garantire l’ordine, la sicurezza delle popolazioni civili, ma anche a portare assistenza e salvaguardare siti di importanza Unesco»

La cerimonia è cominciata come da tradizione con la S. Messa in duomo, alla presenza del comandante dei carabinieri di Bondeno, Abramo Longo, di quello della polizia municipale, Stefano Ansaloni, e delle associazioni ex combattentistiche e del volontariato. Per proseguire con il corteo al seguito della Filarmonica “G. Verdi” di Scortichino e la deposizione delle corone, in particolare, davanti al monumento denominato “La Madre”, sui giardini di viale Pironi, dove un anno fa fu posizionato l’albero della “Vita”. «Un simbolo di pace rivolto alle nuove generazioni» ha concluso il sindaco.

Cerimoniale simile a Scortichino, dove il vicesindaco Simone Saletti ha tenuto il suo discorso dinanzi al monumento di piazza 20 maggio, contestualmente alla relazione dei due storici Bracciano Lodi ed Edmo Mori, in merito alla ricollocazione del monumento ai Caduti del paese.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi