10 ottobre 2019 - Ferrara, Eventi

"Il cibo è chi lo fa": tre giorni in piazza con i prodotti tipici presentati da chi li produce

Da venerdì a domenica in piazza Trento e Trieste la manifestazione enogastronomica

La Strada dei Vini e dei Sapori della Provincia di Ferrara, con il Patrocinio del Comune di Ferrara, conferma la XIII edizione della manifestazione "Il Cibo è chi lo fa" in calendario l'11, 12 e 13 ottobre 2019 a Ferrara, dalle 10 alle 20.

Una delle novità di questa edizione autunnale è l'allestimento del front della manifestazione con tante ricette di prodotti della tradizione ferrarese ed emiliana che tutti possono staccare e portarsi a casa come ricordo: dalla ciambella classica a quella di zucca, la torta tenerina, i cappellacci, le tagliatelle, i pinzini, la salama da sugo e altre specialità. Seconda novità di questa edizione è la creazione di laboratori didattici dedicati ai più piccoli legati al prodotto tipico ferrarese della stagione autunnale: la Zucca!! I laboratori - dedicati ai bimbi - dai 3 anni e accompagnati da un adulto - che si svolgeranno nell'area centrale di Piazza Trento e Trieste, saranno a cura di Feshion Eventi /Il Bosco delle meraviglie.

 

La spiccata vocazione agroalimentare italiana trova in tutto il territorio nazionale innumerevoli produzioni tipiche locali, provinciali e regionali, ognuna con una propria tradizione , con un proprio passato legato alla cultura del posto. Tanti sono i prodotti nazionali da scoprire e conoscere e per noi il modo migliore di farlo è attraverso la voce dei produttori stessi. Da questa idea nasce "Il Cibo è chi lo fa", manifestazione enogastronomica consolidata negli anni, volta a presentare al pubblico l'espressione più tipica del territorio nazionale.

 

Presenti tra i banchi i produttori di parmigiano Reggiano di Montagna delle Vacche Rosse, l'olio extra vergine Bio di una piccola azienda felice Pugliese, l'nduja calabrese per i palati più forti, il pampepato nostrano e tutte le derivazioni dolci con il cioccolato, dolci al taglio con crema, frutta, glasse e caramelli, i taralli pugliesi declinati in tutte le loro varietà dai nuovi fave e cicoria al più gettonato croccantino e rum, la porchetta di Ariccia, dolci a base di nocciole e mandorle per chi ama la frutta secca alla più classica sbrisolona, liquori e distillati distilleria, la focaccia genovese doppia sfoglia senza lievito in varie declinazioni tra cui la classica all'olio e sale , quella con cipolla o patate e stracchino o olive, il cioccolato di Modica, miele di montagna di collina e di pianura, il vino e la grappa di visciole, formaggi di capra, il gorgonzola, i pizzoccheri, la polenta taragna, succhi e confetture bio, mostarde... e veramente tanto tanto altro.

La rappresentante della Strada dei vini e dei sapori Silvia Bozzato ha sottolineato che la sessantina di banchetti con i diversi prodotti di eccellenza della gastronomia italiana faranno solo vendita e non somministrazione.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.