9 ottobre 2019 - Ferrara, Cronaca

Maltrattata dal compagno, chiama i carabinieri e lo fa arrestare

La donna era scappata in strada per sfuggire al convivente

Dopo tre anni di maltrattamenti da parte del compagno, ieri una donna residente a Ferrara ha denunciato, dopo l'ennesimo maltrattamento, il convivente. La donna ha avvertito i Carabinieri riferendo di essere stata malmenata dal compagno e di essere scappata in strada per sottrarsi a questo che la stava inseguendo.

Alle ore 12:30 circa, i militari sono dunque intervenuti presso l’abitazione e hanno trovato la donna con gli inequivocabili segni di percosse che, con un occhio tumefatto e le labbra gonfie, lamentava in lacrime forte dolore e riferiva che il suo aggressore aveva mollato la presa per allontanarsi quando aveva visto arrivare in lontananza la “Gazzella” dell’Arma.

I Carabinieri sono riusciti a prendere il compagno della donna dopo un breve inseguimento lungo le scale del condominio dove i due vivevano, raggiungendolo all’ultimo piano dello stabile. L'uomo, vistosi in trappola, ha opposto un’attiva resistenza aggredendo gli operanti con violenti spintoni quale estremo e disperato tentativo di fuga. Una volta bloccato, l'uomo, un cittadino tunisimo di 47 anni domiciliato a Ferrara, è stato dichiarato in arresto e condotto presso la caserma di via Appuntato Carmine della Sala dove è stato trattenuto nella camera di sicurezza in attesa del giudizio direttissimo. Il tunisino aveva precedenti penali ed è stato arrestato per reati di maltrattamenti in famiglialesioni personali volontarie e resistenza a Pubblico Ufficiale, in applicazione della Legge 19 luglio 2019, nr. 69 (Modifiche al Codice Penale, al Codice Di Procedura Penale e altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere), denominata “Codice Rosso”.

La vittima, invece, è stata immediatamente soccorsa da un’autoambulanza del 118 che l’ha trasportata al Pronto Soccorso dell’Arcispedale Sant’Anna di Ferrara. Qui le sono state riscontrate lesioni al volto e un lieve trauma cranico il tutto giudicato guaribile in 7 giorni salvo complicazioni.

Una volta dimessa, la donna ha sporto formale la denuncia per i reati di maltrattamento in famiglia e lesioni personali ed ha rivelato che nei tre anni di convivenza in diverse occasione il compagno l’aveva picchiata selvaggiamente con pugni al volto ed alla testa, ma di non aver mai presentato denuncia né essere ricorsa alle cure mediche per paura della reazione dell’uomo.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.