4 ottobre 2019 - Ferrara, Cronaca

Quattro tifosi della Spal denunciati dopo la partita Spal-Lazio

Insulti e lancio di oggetti contro i rivali laziali

Quatto è il bilancio dei tifosi spallini denunciati in occasione della partita di campionato SPAL - LAZIO, disputata il 15 settembre 2019.

Al termine della partita, un gruppo di tifosi spallini, galvanizzati dalla rivalità tra le opposte tifoserie e dal risultato della partita, si è recata in via Agnelli in attesa che, dalla perpendicolare Corso Isonzo, defluissero i tifosi della Lazio dal settore dedicato loro nello stadio Mazza.

Un gruppo di quattro persone, che si trovavano in via IV Novembre, ha cercato di raggiungere via Darsena, nonostante gli sbarramenti di sicurezza presenti, per verosimilmente inveire contro i laziali, che intanto si trovavano nelle auto in transito scortare da un dispositivo ad hoc di forze dell’ordine. I quattro hanno oltrepassato il blocco stradale, nonostante la presenza di transenne e stewards, e iniziato a inveire contro i tifosi della Lazio, in transito nei veicoli del supporter laziali, lanciando bicchieri pieni di birra e vari oggetti. I quattro tifosi spalline hanno inoltre impugnato la cintura dei pantaloni, minacciando i passanti, brandendola con la fibbia in metallo protesa. 

L’intervento tempestivo sul luogo della DIGOS ha messo in fuga tre su quattro e, di conseguenza, solamente un tifoso della Spal è stato denunciato sul posto. Gli accertamenti che sono stati successivamente svolti dal personale della squadra tifoserie, congiunti all’audio di personale del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, hanno permesso l’identificazione degli altri tre individui: attraverso la visione delle telecamere posizionate nei luoghi dove i quattro erano transitati dopo la partita. I quattro sono stati denunciati per il reato di cui all’art.6 Ter della legge 401 del 1989, aver cioè  avuto una condotta di violenza e minaccia, sia verbale che con l’utilizzo di oggetti contundenti o atti all’offesa, dopo il termine della manifestazione calcistica, per mere questioni legate alla rivalità sportiva.

Oltre al deferimento all’Autorità giudiziaria, la locale Divisione Anticrimine, guidata dal Primo Dirgente Paolo Pellegatti, ha avviato le procedure amministrative per irrogare, a carico dei quattro tifosi coinvolti, il provvedimento di divieto di accesso alle manifestazioni sportive (DASPO).

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.