1 ottobre 2019 - Ferrara, Cronaca

Chiusura ufficiale del campo nomadi di via delle Bonifiche

Il sindaco Fabbri: "In due mesi risolto un problema che esisteva da 30 anni"

 

Mercoledì 2 ottobre 2019 alle 10 avranno luogo le operazioni di chiusura ufficiale del campo di via delle Bonifiche a Ferrara, a conclusione dell'applicazione dell'Ordinanza di sgombero.

All'incontro di domani interverrà il vice sindaco e assessore alla Sicurezza Nicola Lodi e l'on. Gianluca Vinci.

"In due mesi e senza l'uso della forza pubblica abbiamo chiuso un campo nomadi che esisteva da trent'anni, simbolo di degrado e di falso buonismo, dove vivevano dieci famiglie con minori, disabili e anziani in condizioni igieniche difficilissime, a rischio in termini di salute e, tra l'altro, posizionato sotto i cavi elettrici." - ha dichiarato il sindaco Alan Fabbri alla conferenza stampa sulla situazione del campo nomadi in via delle Bonifiche - "Abbiamo ricollocato tutti i presenti, applicando le normative vigenti in materia di ordinanze di sgombero, senza corsie preferenziali e senza favoritismi e abbiamo abbattuto i costi in carico al Comune e dunque ai cittadini ferraresi per decine di migliaia di euro. In sostanza abbiamo dimostrato che con la volontà e con l'impegno, anche un problema decennale come quello della gestione dei nomadi stanziali sul territorio, che sembrava destinato a drenare per sempre risorse pubbliche senza risultati, può essere risolto".
Così il sindaco di Ferrara Alan Fabbri, annuncia la chiusura definitiva del campo nomadi di Ferrara, posizionato nell'area di via delle Bonifiche 39-43, di proprietà del Comune, destinata a campo sosta, ma utilizzata per decenni come area di residenza.
"Durante l'applicazione dell'ordinanza" - ha sottolineato il sindaco - "abbiamo trovato la collaborazione delle famiglie del campo che sono state preservate nella loro unità e avviate, con questo passo, ad una autonomizzazione, che parte dalle utenze che sono state attivate, nelle destinazioni assegnate, a nome dei singoli capi famiglia che si faranno carico del pagamento".
"Un punto importante era per noi la tutela dei minori e dei disabili, per i quali sono state individuate soluzioni idonee, mentre per quanto riguarda i percorsi scolastici dei bambini e dei ragazzi che frequentano la scuola, sono stati tutti salvaguardati", ha precisato ancora ringraziando per la collaborazione e il fondamentale apporto le forze dell'ordine, il Questore, il Prefetto e le associazioni del territorio.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.