28 agosto 2019 - Ferrara, Cronaca

Denuncia la scomparsa del portafogli, ma emerge a suo carico un foglio di via da Ferrara: deferito 23enne

In Questura

Nella giornata di ieri personale della Sezione Volanti della Polizia di Stato ha denunciato due cittadini. La prima denuncia è scattata a carico di un extracomunitario di nazionalità nigeriana del 1996 contravventore al foglio di via obbligatorio dal territorio del Comune di Ferrara il quale nel primo pomeriggio si era presentato presso l’Ufficio Denunce per dichiarare lo smarrimento del proprio portafoglio. L’uomo veniva sottoposto alla procedura di identificazione. Quindi dal controllato delle sue impronte digitali in banca dati emergeva a suo carico la misura del divieto di ritorno nel Comune di Ferrara e per questo motivo veniva deferito in stato di libertà all’Autorità competente. Il secondo denunciato è un giovane cittadino italiano. Lo stesso poco prima era stato notato in compagnia di un’altra persona, ed entrambi alla vista della Volante avevano cercato di dileguarsi dirigendosi verso la stazione ferroviaria. Gli Agenti, riuscivano a fermare il giovane in Viale IV Novembre mentre l’altro riusciva a far perdere le proprie tracce. Circa il possesso della bici su cui si trovava in sella, si precisa in ottimo stato, vi erano parecchi dubbi che potesse appartenergli. In effetti, alle domande degli operatori, cambiava di continuo versione sulla sua provenienza e pertanto il mezzo veniva sequestrato ed il ragazzo denunciato per il reato di ricettazione.

Nel pomeriggio è stato svolto dalle donne e uomini in divisa della Questura di Ferrara, del Posto di Polizia Ferroviaria e del Reparto Prevenzione Crimine Emilia Romagna Orientale di Bologna, 12 unità in totale, un particolare servizio in questo capoluogo, zona GAD e Stazione Ferroviaria, in ottemperanza a specifiche direttive del Dipartimento della Pubblica Sicurezza volte ad intensificazione ulteriormente le misure di controllo nei confronti di strutture ricettive e di pubblici esercizi. I controlli hanno portato all’identificazione di 43 persone di cui 20 straniere, controllati 2 veicoli e 4 esercizi commerciali e gli avventori che si trovavano al loro interno, effettuato un posto di controllo e denunciato (sanzione amministrativa) un cittadino italiano perché presso il locale terminal ferroviario era stato trovato in stato di ubriachezza e mentre urinava sui binari.

Veniva invece accompagnato al CPR di Brindisi da personale della Questura un cittadino di nazionalità marocchina in quanto non in regola con le norme che disciplinano la presenza di stranieri sul territorio italiano. Questi, cl. 1973, e con numerosi precedenti – era stato identificato verso le due di notte in Piazza Verdi da una Volante e accompagnato in Questura dopo che per futili motivi aveva aggredito fisicamente con un pugno una persona. Interrogato il suo nominativo al terminale emergevano gli innumerevoli precedenti di Polizia a suo carico - estorsione, spaccio, furto, ricettazione, resistenza a Pubblico Ufficiale, minacce, uso di armi ed oggetti atti ad offendere, lesioni personali, violazione di domicilio -, e la sua condizione di irregolarità confermata poi dal controllo delle impronte digitali. Dopo la permanenza presso il predetto centro verrà quindi rimpatriato.

In definitiva si riassumo i dati dell’attività di Polizia di Stato nella giornata di ieri: 157 persone identificate di cui 34 straniere, un cittadino extracomunitario espulso e accompagnato ad un Centro di Permanenza per rimpatri, 4 attività commerciali controllate e rispettivi avventori presenti, 11 posti di controllo, un documento ritirato, 8 sanzioni al Codice della Strada elevate, 60 automezzi di cui sono state verificati la regolarità dei documenti di circolazione, un veicolo sequestrato, due denunce di cui una penale e una amministrativa.

Tag: polizia

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi

Le notizie più lette degli ultimi tre anni