11 ottobre 2018 - Ferrara, Cronaca

"Ferrara Monumenti Aperti", alla scoperta dei tesori della città

Sabato 13 e domenica 14 ottobre

"Ferrara Monumenti Aperti 2018" è il tema dell'evento in programma sabato 13 e domenica 14 ottobre. La manifestazione, patrocinata dal Comune di Ferrara, è coordinata dalla onlus cagliaritana Imago Mundi e organizzata dall'associazione culturale Ferrara Off in collaborazione con Fondazione Ferrara Arte.

Per illustrare i contenuti e il programma di appuntamenti culturali e artistici ai giornalisti sono intervenuti durante la conferenza stampa il vicesindaco Massimo Maisto, l'ass. comunale all'ambiente Territorio e Patrimonio di Copparo Diego FarinaMarco Sgarbi del Teatro Ferrara Off, Massimiliano Messina per Imago Mundi, e lo scrittore e narratore Luigi Dal Cin. Alla conferenza stampa di presentazione ha partecipato anche una rappresentativa di maestre e allievi della scuola primaria "Alda Costa".

Come spiegano gli organizzatori, i monumenti saranno generalmente visitabili dalle ore 10 alle 18 con visite guidate che saranno sospese solo tra le 13.30 e le 14.30. Fanno eccezione il Palazzo delle Poste che nella giornata del sabato aprirà alle ore 14, il MEIS (Museo dell'ebraismo e della Shoah) che invece nella giornata di domenica aprirà alle ore 14 e il Conservatorio "G. Frescobaldi" che aprirà solo nella giornata di sabato dalle ore 10 alle 18.

Per dettagli sui singoli orari di visita, consultare il sito www.monumentiaperti.com o il pieghevole della manifestazione.

Dopo il focus sul Seicento ferrarese della prima edizione, quest'anno la manifestazione sarà dedicata al Novecento cittadino. Un "taglio" di particolare fascino che attraversa la storia recente della città, con l'ausilio, tra gli altri, del cinema, della letteratura e dell'architettura in un dialogo costante tra cultura materiale e immateriale, come indicato dalle linee guida dell'Anno Europeo del Patrimonio Culturale e come accolto dal tema generale dell'edizione 2018 della manifestazione: Cultura Patrimonio Comune.

Quella ferrarese è la penultima tappa dell'edizione 2018 della manifestazione che si concluderà, sempre in territorio emiliano, il 20 e 21 ottobre nel comune di Copparo, con un programma di visite, anche in questo caso, dedicate al Novecento e articolate attraverso il racconto di sei monumenti: il Teatro Comunale De Micheli, Villa Bighi, il Municipio, la Biblioteca Comunale Anne Frank, la Galleria civica d'Arte contemporanea-ex Carceri Alda Costa e la Fontana Monumentale.

 

IL PROGRAMMA

Il programma previsto approfondirà l'evoluzione e la nascita delle correnti artistiche e architettoniche del secolo scorso, come espressione visiva degli avvenimenti che lo hanno caratterizzato, oltre ad alcuni edifici che sono stati fondamentali o che hanno raccolto l'eredità di figure culturali ferraresi di spicco come Giorgio Bassani e Michelangelo Antonioni. In questo modo i ragazzi potranno riflettere sull'importanza dell'arte e della cultura come mezzo di espressione e di contrasto rispetto ai forti sentimenti e agli improvvisi cambiamenti che si sono susseguiti nel corso del XX secolo. I monumenti scelti per questa edizione sono: la Residenza Municipale, la Sala Estense, il Castello Estense, il Museo della Cattedrale, il quadrivio di Savonuzzi con il Conservatorio "G. Frescobaldi", Il Museo di Storia Naturale, la Scuola "Alda Costa e la Sala Boldini, l'Ex Mof, l'Acquedotto Monumentale, Palazzo Savonuzzi, il MEIS, il Museo della Risorgimento e della Resistenza e l'apertura straordinaria del Palazzo dell'Aeronautica, di quello delle Poste Centrali, di Casa Minerbi e della Cella del Tasso.

I monumenti saranno raccontati da 800 studenti provenienti da 38 classi delle scuole ferraresi (quarte e quinte della Primaria e prime e seconde della Secondaria di primo grado). A loro vanno aggiunti 405 studenti provenienti dalle seconde e terze classi della Scuola Primaria per il progetto, per un totale complessivo di 50 classi delle scuole ferraresiLo sguardo che crea. Saranno inoltre impiegati oltre 90 volontari di tutte le età insieme a 20 responsabili dello staff organizzativo di Ferrara Off.

 

Il Premio

La tappa ferrarese sarà anche importante occasione per presentare a livello locale il Premio dell'Unione europea per il Patrimonio Culturale / Europa Nostra Awards 2018, il massimo riconoscimento europeo nel settore, consegnato ufficialmente a Imago Mundi lo scorso 22 giugno a Berlino, per la sezione Istruzione, Formazione e Sensibilizzazione, durante il primo vertice europeo del patrimonio culturale.

Il 13 ottobre con inizio alle ore 9.15 nelle Sala Consiliare del Palazzo Municipale di Ferrara, in occasione della seconda edizione di Ferrara Monumenti Aperti , sarà dunque celebrata la Cerimonia di consegna durante la quale interverranno Massimo Maisto (Vice Sindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Ferrara), Rossana Bettinelli (Board Member di Europa Nostra), Fabrizio Frongia (Presidente Imago Mundi Onlus), Marzia Cilloccu (Assessore al Turismo del Comune di Cagliari), Marco Sgarbi (Associazione Culturale Ferrara Off), Ingrid Veneroso (addetto comunicazione Associazione Beni Italiani Patrimonio UNESCO), Luigi Dal Cin (scrittore per ragazzi e coordinatore progetto didattico), Roberto Calari (Presidente CulTurMedia Legacoop), Pierluigi Vaccaneo (Direttore della Fondazione Cesare Pavese di Santo Stefano Belbo).

 

Il racconto di Ferrara Monumenti Aperti si svolge sui tre canali social ufficiali: Facebook Monumenti Aperti Ferrara, Twitter e Instagram @monumentiaperti. I tag ufficiali sono #ferraramonumentiaperti #monumentiaperti18.

Per maggiori informazioni www.monumentiaperti.com, e-mail  monumentiaperti@ferraraoff.it.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.