2 agosto 2018 - Ferrara, Eventi

Successo per “Un fiume di musica”, cala il sipario sull’edizione 2018

Il bilancio

Dopo tre mesi, 18 eventi musicali a ingresso libero, 500 persone presenti in media a ogni serata, si è conclusa, con il concerto Organic Trio e Roberto Manuzzi di giovedì scorso, l’edizione 2018 di Un fiume di Musica. Il ciclo di concerti è stato organizzato dalla Scuola di Musica Moderna-Associazione Musicisti di Ferrara in collaborazione con il Consorzio Wunderkammer, di cui l'Associazione Musicisti di Ferrara fa parte. Anche quest’anno il festival è stato all'interno del progetto Smart Dock, nell'ambito di ‘Giardino Creativo’ finanziato da Anci. Il bilancio spetta a Roberto Formignani, direttore artistico e ideatore di Un fiume di Musica.

 

Terza edizione di Un fiume di Musica: il bilancio. “È andata ancora meglio delle altre e non ha visto, come le precedenti edizioni, il calo fisiologico nel mese di luglio – racconta Roberto Formignani – Nei tre mesi di programmazione, c’è sempre stata un’affluenza costante che si è aggirata intorno alle 400-500 persone a sera, con un pubblico di tutte le età. Le sedie a disposizione erano 300, e in più c’erano 8 tavoli con panche che solitamente ospitano altre 50-60 persone, oltre il pubblico seduto sul prato ed in piedi. Abbiamo avuto l’onore di essere visitati da Rai 3, dalla televisione di Feltrinelli ‘La Effe’ e da Telestense per dei servizi dedicati; dopo la terza edizione possiamo dire di aver acceso i riflettori sulla darsena cittadina, facendola diventare un altro punto dove passare piacevoli serate al fresco per il pubblico ferrarese e non. L’area quest’anno è stata ampliata permettendo alle offerte enogastronomiche di accontentare meglio il pubblico. L’impatto sul quartiere è stato senza dubbio molto positivo, perché non ci sono state lamentele per il suono, che è sempre stato contenuto e limitato al massimo alle ore 23”.

 

I numeri di Un fiume di Musica.Le serate – continua il direttore artistico della rassegna – in tutto sono state 15 e tre giorni di saggi della scuola di musica moderna per un totale di 18 appuntamenti. All’interno di Un Fiume di Musica sono stati inseriti due festival: Wah Wah Music Fest, che ha visto l’avvicendarsi di cantautori indipendenti sia della città che internazionali (tra cui Dirk Hamilton), e il festival della chitarra Manouche ‘Gypsy Guitar’ dedicato a Mario Maccaferri, liutaio centese che ha stabilito un must con i suoi strumenti adoperati dal leggendario chitarrista Django Reinhardt. Un onore per noi è stato ospitare in questo festival l’enfant prodige parigino Antoine Boyer”.

 

Il successo e la filosofia degli aperitivi musicali al quartiere Giardino. “A parte i due festival, l’idea alla base di Un fiume di Musica è quella di far suonare gli insegnati della Scuola di musica moderna di Ferrara che, in questo modo, promuovono il loro operato all’interno della scuola stessa. La scoperta di quest’anno è stata senza dubbio l’operato positivo dei ragazzi di Wah Wah Magazine, che hanno reso possibile il loro festival (il Wah Wah Music Fest), intento a proporre sempre cose nuove e non cover band o tribute band, che spesso attirano molto di più. Sono andati contro tendenza e si sono adoperati per far suonare artisti che credono nel loro apporto artistico proponendo canzoni d’autore inedite. La scelta è piaciuta, anche perché situazioni del genere sono sempre più rare”.

 

Uno sguardo al futuro, Idee per la prossima edizione. “La prossima edizione – conclude Roberto Formignani – senza dubbio manterrà il collaudato format, cercando comunque di aggiungere delle novità. Vedremo se allungare il periodo della rassegna, viste le tante richieste, e vedremo come utilizzare al meglio il luogo che ci ospita, provando a mettere in risalto alcune peculiarità intrinseche della Darsena e del fiume”. Per ora sono solo delle idee, ma il futuro di Un fiume di Musica già scorre nella fantasia, per vederlo concretizzato il più possibile, poi, nella realtà.

 

 

 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.