11 aprile 2018 - Ferrara, Cronaca

Ricercatori e tecnici giapponesi a Ferrara per studiare la mobilità sostenibile

La delegazione formata da 18 persone

Una delegazione giapponese di studiosi, ricercatori universitari, tecnici aziendali, gestori di velostazioni e tecnici della pianificazione territoriale della mobilità sostenibile hanno incontrato ieri mattina, martedì 10 aprile 2018 in residenza municipale, i rappresentanti del Comune di Ferrara e dell'Agenzia della Mobilità.
L'assessore comunale ai Lavori Pubblici e Mobilità Aldo Modonesi ha portato il saluto dell'Amministrazione al gruppo giapponese guidato da Hideiko Hamada, consulente speciale della fondazione di servizi e parcheggi per biciclette di Tokio. All'incontro hanno partecipato anche Giuseppe Ruzziconi (Amministratore unico Ami Ferrara), insieme a dirigenti e operatori del settore Mobilità, del Centro Idea e dell'Agenzia Mobilità Impianti. 
La delegazione, formata da 18 persone, è giunta nella nostra città con l'obiettivo di studiare le politiche per la ciclabilità, visto che Ferrara è considerata a livello italiano ed europeo una delle città "bike friendly" più importanti; inoltre la rete ciclabile del capoluogo estense, che ha raggiunto i 180 chilometri, è inserita in un contesto territoriale unico di tutela e salvaguardia del patrimonio architettonico.
Al gruppo di visitatori è stato illustrato il PUMS, in particolare la parte riguardante le politiche di allargamento della ZTL, di rallentamento del traffico nelle zone 30, di uso della bicicletta, dei percorsi formativi ed educativi negli istituti scolastici. La visita è proseguita in zona Stazione ferroviaria per visionare l'area adiacente la ferrovia sulla quale è prevista la realizzazione della nuova "velostazione" della città di Ferrara.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.