11 giugno 2010 - Ferrara, Cronaca, Economia & Lavoro

Il Pd chiede a Sfir di riassorbire i dipendenti

Ieri il segretario provinciale Calvano ha incontrato i lavoratori in presidio

Il segretario provinciale del Pd di Ferrara, Paolo Calvano, ed il segretario del Circolo Pd di Pontelagoscuro Simone Mori hanno incontrato i dipendenti Sfir che hanno partecipato al presidio ieri mattina, venerdì 11 giugno, davanti allo stabilimento di Pontelagoscuro. Alla luce dell'incontro e del forte impegno delle istituzioni ferraresi, Comune e Provincia che incontreranno il prossimo 17 giugno l'azienda, il Partito Democratico, preso atto dell'attuale impossibilità a dar corso immediato all'accordo sottoscritto nel 2007, chiede alla società Sfir di tenere in considerazione la disponibilità a svolgere la campagna ad Argenta di una parte dei lavoratori, compatibilmente con la loro professionalità.

"Auspichiamo inoltre - sostengono i responsabili del Pd - che Sfir, considerato che l'accordo negoziale con Ferrara Food scadrà il 31 dicembre 2011, sia nelle condizioni, nonostante la situazione diffusa di crisi, di mettere in campo quegli investimenti che consentano, partendo proprio da Argenta, di riassorbire i 22 dipendenti oggi in regime di cassa integrazione straordinaria". Il Partito Democratico chiede infine a Sfir di immaginare percorsi formativi strutturati che consentano ai lavoratori di acquisire le competenze necessarie per essere ricollocati nell'attuale mercato del lavoro e tenendo conto dei possibili investimenti che l'azienda sarà chiamata a fare da qui al 2011.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi