7 dicembre 2017 - Ferrara, Cronaca

Meis, inaugurazione alla presenza del presidente della Repubblica

Il 13 dicembre

Mercoledì 13 dicembre 2017, alle 17,30 si svolgerà la cerimonia di inaugurazione del MEIS - Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah di Ferrara, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il Museo apre ufficialmente il 14 dicembre. 

Un museo, spiega una nota, dedicato alla storia e alla vita ebraica, all’importanza che gli Ebrei hanno avuto per la costruzione e l' evoluzione della storia italiana. Il MEIS apre nella grande struttura restaurata di Via Piangipane, nel cuore antico di Ferrara, dove fino al 1992 c’erano le carceri cittadine. Un luogo che nel Novecento è stato centro di segregazione e che oggi diventa simbolo di dialogo e di inclusione tra culture e religioni diverse, di ricerca e didattica. Dal 14 dicembre fino al 16 settembre 2018, i visitatori troveranno nel museo la mostra “Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni”. Un percorso espositivo tra oltre 200 oggetti, 49 epigrafi di età romana e medievale, 121 tra anelli, sigilli, monete, lucerne e amuleti, provenienti dai musei di tutto il mondo, per raccontare il primo millennio dell’Italia ebraica. Negli spazi del MEIS sarà possibile anche assistere allo spettacolo multimediale “Con gli occhi degli Ebrei italiani”, un viaggio nella storia della penisola dal punto di vista di un ebreo italiano. Un altro importante tassello si aggiunge alla variegata offerta culturale della città dal centro storico Patrimonio dell’Umanità UNESCO, un patrimonio storico ed artistico da vivere grazie al Consorzio Visit Ferrara, che unendo oltre 90 operatori turistici di tutta la Provincia ferrarese, guida i visitatori in una straordinaria varietà di esperienze, opportunità, luoghi ed eventi.

Tag: meis

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.